C’erano tutti: compagni di scuola, famigliari, amici di famiglia, conoscenti; c’era, con il cuore e con il pensiero, anche chi non ha potuto esser presente fisicamente; c’era la città intera, con a capo il sindaco e altri rappresentanti dell’amministrazione comunale, a stringersi, oggi pomeriggio – venerdì 27 novembre – attorno alla famiglia della piccola Asia Pizzutelli, strappata alla vita martedì scorso da un tragico incidente stradale verificatosi alle porte di Ferentino.

Le esequie sono state celebrate al palazzetto dello Sport “Tiziano Ciotti” di Anagni, appositamente allestito per accogliere un numero congruo di persone. La via che porta alla struttura, gremita malgrado l’invito del sindaco di Anagni ad evitare di presenziare personalmente alle esequie “per evitare assembramenti e problemi di viabilità“, ha accolto il feretro bianco, salutandolo poi all’uscita con un lungo applauso e con palloncini bianchi e colombe lasciate libere nel cielo.

Impeccabile il servizio d’ordine organizzato dalle associazioni di volontariato cittadine.

Una cerimonia sobria, piena di dolore e insieme di dolcezza, commossa ma composta, accompagnata dalle parole di amore di don Walter, che ha invitato tutti a pensare ad Asia presente e libera “lontana dal nostro sguardo terreno ma non da quello del cuore”. Parole che, a ben pensarci, sono l’unica risposta che può riempire il cuore e dare forse un senso ed una consolazione in questo momento di strazio.

“Non esistono parole in grado di consolare i genitori di Asia, la sua famiglia, i suoi compagni, gli amichetti – ha detto il celebrante – le nostre voci non potrebbero mai lenire una ferita così grande, perché il dolore di una madre e di un padre è proporzionato all’amore con il quale si lega ai figli“.

La ricostruzione delle tragiche circostanze che hanno portato all’incidente, nel quale Asia ha perduto la vita mentre la sua sorellina e la baby-sitter che le accompagnava sono rimaste ferite, è tuttora oggetto degli approfondimenti dei Carabinieri della Compagnia di Anagni coordinati dal magg. Matteo Demartis, primi ad intervenire sul luogo del sinistro, e presto potrebbe portare a nuovi sviluppi. Intanto, da oggi, la luce di Asia brillerà per sempre nei cuori di tutti noi e dei suoi compagni di scuola che hanno voluto salutarla con giro-giro tondo intorno al feretro; ora, la piccola Asia, riposa nel cimitero di Anagni.