Sgurgola

A poche settimane dall’accaduto il dolore è rimasto immutato, eMario è sempre il primo pensiero di tanti cittadini di Sgurgola: “ci sono giornate in cui l’umore è a terra, altre in cui cerchiamo di farci forza e di andare avanti”, ha spiegato il sindaco prof. Antonio Corsi in diretta Facebook davanti a centinaia di tanti suoi concittadini.

Ed è proprio per questo che Sgurgola ora dedica un pensiero al piccolo Mario, il bambino venuto a mancare alcune settimane fa a seguito di un tragico incidente che si è verificato in zona Calanzio, poco fuori il centro cittadino. Lo fa installando nella fontana che si trova al centro del paese la bella statua del patrono San Leonardo e dedicandola proprio a Mario. L’idea l’ha avuta Ilaria Moscarelli, giovane restauratrice di Sgurgola, che subito l’ha proposta ai genitori di Mario i quali hanno accolto positivamente l’iniziativa. Il sindaco, poi, l’ha portata in consiglio comunale che, senza esitazione, ha approvato all’unanimità.

la fontana di via 2 giugno

“L’intenzione è quella di posizionare la statua nella fontana di via 2 giugno già prima di Natale – ha affermato il sindaco nel corso di un colloquio telefonico con anagnia.com – la partecipazione all’iniziativa è libera, tutti potranno aderire partecipando alle spese o contribuendo all’acquisto del materiale per la realizzazione della cappelletta; a tale proposito desidero porgere un sentito ringraziamento a Ilaria Moscarelli, che ha restaurato la statua danneggiata alcuni mesi fa, e Mattia Bellardini, che si occuperà invece della progettazione della nicchia che ospiterà la cappelletta. Nel frattempo, adesso, non possiamo far altro che continuare a stringerci attorno a questa famiglia. Impossibile dire altro per una tragedia che ha colpito la nostra intera comunità”, ha aggiunto.

la statua di san Leonardo, restaurata da Ilaria Moscarelli dopo il danneggiamento subito nei mesi scorsi, verrà posizionata in un’apposita nicchia realizzata nella fontana di via 2 giugno

Il sindaco prof. Antonio Corsi e altri amministratori fin da subito sono rimasti vicini alla famiglia, esprimendo la volontà di partecipare al loro dolore in forma pubblica e istituzionale, proclamando il lutto cittadino nel giorno delle esequie del piccolo Mario.

Una tragedia che ha colpito tutti, non solo a Sgurgola e paesi limitrofi: Mario è stato travolto da un mezzo agricolo che si è improvvisamente sfrenato.

Il bambino purtroppo non ha avuto scampo ed è morto sul colpo. I soccorsi immediati non sono stati in grado di poter rianimare il piccolo a causa delle lesioni gravissime riportate nell’incidente. Una tragedia, che nella sua semplicità è stata terribile, non ci sono stati margini per tentare di salvare la vita al piccolo.

Il bambino, figlio di una coppia molto conosciuta in paese, entrambi grandissimi lavoratori e benvoluti, frequentava la classe IV della scuola primaria di Sgurgola.