Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha firmato il decreto per la dichiarazione dello stato di calamità per i comuni della provincia di Frosinone che il 14 e il 15 ottobre scorso sono stati colpiti da eventi metereologici avversi. In particolare, sono i comuni di San Biagio Saracinisco, Picinisco, Sant’Elia Fiume Rapido, Vallerotonda, Villa Latina, Atina, Settefrati, Terelle, Pastena e Belmonte Castello ad aver riscontrato danni importanti agli edifici pubblici, alle abitazioni private, alla viabilità ed alle attività commerciali e produttive.

Per questa ragione, il decreto dispone anche di procedere, con l’Agenzia regionale di Protezione Civile, al ristoro delle spese sostenute, per l’organizzazione e l’effettuazione degli interventi di soccorso e assistenza alla popolazione dalle Amministrazioni interessate, per un totale di 282mila euro, e chiede l’intervento ulteriore della Presidenza del Consiglio dei Ministri per il riconoscimento dello “stato di emergenza” con l’adozione di urgenti e straordinari provvedimenti per la riparazione dei danni.

“Una notizia importante – sottolinea il Presidente di Confagricoltura Frosinone Vincenzo del Greco Spezza – che stavamo aspettando e che molti agricoltori dei Comuni colpiti erano in attesa di conoscere. Siamo stati infatti tra i primi a interessare la Regione circa le segnalazioni che abbiamo ricevuto dal territorio, sia aziende che amministrazioni locali stesse. Ora confidiamo che a breve si possa dar corso ai ristori”.