Ancora controlli sul territorio da parte dei Carabinieri della Compagnia di Anagni coordinata dal magg.re Matteo Demartis; lo scopo è quello di responsabilizzare la popolazione locale ad adottare tutte le precauzioni del caso per limitare la diffusione del virus da Covid 19, invitando i cittadini ad evitare situazioni che possano creare assembramenti ed a far uso della mascherina quale mezzo di protezione individuale.

Nella giornata di ieri, la Compagnia ha dispiegato nel proprio territorio 11 pattuglie delle dipendenti Stazioni e del NORM, per complessivi 22 militari, impegnati nell’arco delle 24 ore a monitorare l’intero territorio di competenza. I risultati conseguiti sono stati più che ragguardevoli in quanto oltre al controllo di 65 veicoli e l’identificazione di 83 persone, delle quali alcune contravvenzionate per violazioni alle norme del Codice della Strada, sono stati conseguiti i seguenti ulteriori risultati:

i militari della Stazione di Anagni hanno deferito in stato di libertà un 31enne, cittadino rumeno domiciliato in zona, per il reato di furto aggravato: l’uomo, dipendente di una società di stoccaggio merci, approfittando di una sosta durante il carico merci svolto presso un’attività dell’agro anagnino, si appropriava di generi alimentari del valore di circa 70 euro. L’uomo è stato scoperto dal dirigente dell’esercizio che ha richiesto l’intervento dei militari i quali – subito intervenuti – hanno sottoposto l’autocarro, utilizzato dal reo per il trasporto della merce, a perquisizione, rinvenendo la refurtiva all’interno della cabina del veicolo, subito restituita all’avente diritto.

Sempre i militari della Stazione di Anagni, al termine di attività info–investigativa, hanno denunciato in stato di libertà un 34enne originario di Frosinone, già censito per reati contro il patrimonio e la persona, anch’egli per furto aggravato: attraverso la raccolta di testimonianze e la visione di immagini estrapolate da telecamere presenti, hanno raccolto univoci e concordanti elementi di colpevolezza nei confronti dell’uomo che lo scorso 3 ottobre, a Ferentino, lungo la via ASI, ha scippato una donna della propria borsa contenente due telefoni cellulari ed una esigua somma di denaro contante. I due telefoni, successivamente rinvenuti, sono stati restituiti alla donna.

I Carabinieri del NORM della Compagnia di Anagni e della Stazione di Ferentino hanno tratto in arresto un 47enne di Anagni, già censito per reati contro la persona ed il patrimonio, perché responsabile di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e rifiuto di indicazione sulla propria identità personale: l’uomo, a Ferentino, nel corso di un controllo alla circolazione stradale attuato dai militari della locale Stazione sulla via Casilina, si è rifiutato di esibire i propri documenti di riconoscimento, declinando circa le proprie generalità, dandosi poi alla fuga e dando vita ad un rocambolesco inseguimento lungo l’arteria stradale e per le strade comunali di Anagni. Grazie all’ausilio dell’autoradio del NORM – Aliquota Radiomobile, il fuggitivo è stato bloccato e tratto in arresto. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato trasferito presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.