Danni per centinaia di euro per rubare giusto 15 euro: meno di un ladro di polli, il 39enne tratto in arresto la scorsa notte dai Carabinieri della Stazione di Alatri impegnati in un predisposto servizio di prevenzione al fine di prevenire e reprimere i reati predatori dopo che, nei giorni scorsi, si erano verificati alcuni furti nella stessa scuola e con le stesse modalità.

Allertati dalla locale Centrale operativa per la segnalata presenza di una persona introdottasi nel citato plesso scolastico, i Carabinieri sono immediatamente giunti sul posto, bloccando tutte le vie di fuga e riuscendo a fermare il 39enne del posto, già conosciuto poiché censito per furto, ricettazione, stupefacenti, nonché avvisato orale.

L’uomo, introdottosi nella scuola, scavalcando la recinzione esterna e forzando il portone di ingresso, aveva appena asportato 15 euro in monete presenti nei distributori automatici per bibite, dopo averli scardinati con un apposito arnese, subito recuperato dai militari e sequestrato.

Il denaro rubato veniva restituito al legittimo proprietario, mentre l’uomo veniva tratto in arresto in flagranza di reato per furto aggravato e come disposto dall’Autorità Giudiziaria trattenuto in camera di sicurezza, in attesa di rito di convalida previsto per la mattinata odierna.

L’arrestato, inoltre, mediante ulteriori accertamenti condotti dal personale, in particolare testimonianze e visione di immagini estrapolate da telecamere presenti, veniva scoperto quale responsabile dell’analogo furto di monete verificatosi presso la stessa scuola lo scorso mese di settembre. Per tale episodio l’uomo veniva anche deferito in stato di libertà per la medesima violazione.