Resta, per ora, omicidio preterintenzionale l’accusa nei confronti dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Bellegia ma presto il capo di imputazione potrebbe mutare in uno più grave in conseguenza dell’esito dell’esame autoptico che dovrà essere svolto oggi stesso al policlinico Tor Vergata sul corpo del giovane Willy.

I quattro restano in carcere ma a Bellegia sono stati concessi gli arresti domiciliari dopo che ieri – martedì 8 settembre – nel corso dell’interrogatorio di garanzia di fronte ai pm avrebbe affermato di aver visto uno dei fratelli Bianchi colpire con un calcio il giovane palianese.

Il giovane Bellegia, difeso da Vito Perugini, avrebbe fornito dunque una versione completamente diversa da quella messa a verbale dagli altri tre i quali – a loro dire – affermano di non aver “nemmeno toccato” Willy.

La famiglia di Willy, rappresentata nel procedimento dall’avv. Domenico Marzi, ha nominato il prof. Antonio Grande quale consulente tecnico di parte che parteciperà all’esame autoptico mentre il consulente tecnico scelto dalla procura di Velletri è Saverio Potenza; Diego Cirilli – infine – è l’esperto nominato dai difensori degli arrestati.

Stasera, in ricordo di Willy, si terrà una fiaccolata organizzata dagli amici e dell’amministrazione comunale di Paliano. L’appuntamento è alle 21 in piazza XVII Martiri, nei pressi della sede comunale.