Si chiude con un successo la tre giorni medievale “I Giorni dello Schiaffo” e con essa questa straordinaria estate anagnina. Proprio nell’anniversario del celebre Schiaffo di Anagni di Sciarra Colonna a papa Bonifacio VIII è tempo di fare un bilancio degli eventi culturali e ricreativi estivi.

L’assessore alla Cultura e Turismo Carlo Marino dichiara: “i “Giorni dello Schiaffo” chiudono un’estate fantastica, un’estate in cui Anagni ha saputo cogliere l’opportunità del turismo di prossimità. La collaborazione con le Associazioni, i commercianti, i ristoratori, e i luoghi della cultura si sta rivelando vincente e sono sicuro che la strada intrapresa sia quella giusta. Sapevamo che sarebbe stata una estate particolare, anzi, azzarderei “complessa” visti i mesi precedenti nei quali avevamo affrontato la pandemia, la quarantena, le chiusure, la paura di tornare a vivere. Ed invece l’obiettivo dell’Amministrazione del sindaco Daniele Natalia è stato proprio quello di rivitalizzare il settore turistico e, con esso, l’economia cittadina che ruota attorno alla cultura”.

Il sindaco infatti dichiara: “il successo di questa estate anagnina è non solo una conferma ma un punto di partenza per ristrutturare l’offerta culturale cittadina, per portare ad Anagni, e dico finalmente, quella mentalità e quella cultura del turismo che nel corso degli anni è mancata. Turismo, Cultura ed Economia viaggiano insieme sullo stesso binario, è compito dell’Amministrazione comunale metterle a sistema assieme alla società civile. Abbiamo creato, dimostrando di essere una splendida comunità, un’opportunità fondamentale per costruire il futuro turistico-culturale di Anagni che è, finalmente, tornata ad essere il baricentro ed il motore della cultura provinciale”.

nota stampa e foto a cura dell’ufficio Comunicazione del Comune di Anagni