Home Cronaca Alatri. Restò vittima di un incidente assieme ad alcuni amici: oggi si...

Alatri. Restò vittima di un incidente assieme ad alcuni amici: oggi si scopre che era sotto effetto di stupefacenti e di alcool

la ragazza, una 25enne di Ripi, alcuni giorni fa si ribaltò più volte con l'auto in territorio di Trivigliano. Era in compagnia di alcuni amici: aveva bevuto e sniffato cocaina

I Carabinieri dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Alatri – a conclusione degli accertamenti relativi ai rilievi dell’incidente stradale nel quale alcune persone sono rimaste ferite avvenuto a Trivigliano lo scorso 16 agosto – hanno denunciato in stato di libertà una 25enne di Ripi per guida in stato di ebbrezza e sotto l’influenza di sostanze stupefacenti.

I militari sono riusciti ad accertare che la donna alla guida di una utilitaria con a bordo altri due giovani, mentre stava percorrendo la SR 155 del comune di Trivigliano ha perso il controllo del veicolo, andando ad urtare il guard-rail ribaltandosi più volte.

Tutti gli occupanti della vettura sono stati immediatamente trasportati presso il Pronto soccorso dell’Ospedale di Alatri per le cure del caso a seguito delle lesioni riportate. La donna, conducente del mezzo, sottoposta ai controlli finalizzati a rilevare un’eventuale guida in stato di alterazione pscofisica, è risultata avere un tasso alcolemico due volte superiore alla norma ed è, inoltre, risultata positiva alla cocaina.

Le è stata, dunque, ritirata la patente di guida per la relativa sospensione ed il veicolo è stato sottoposto a sequestro amministrativo ai fini della confisca, poiché sprovvisto dell’assicurazione obbligatoria.


Sempre ad Alatri, gli stessi militari, nel corso di un servizio perlustrativo finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in genere, hanno denunciato in stato di libertà un 40enne di Alatri (già censito per estorsione e furto), per violazione ad un provvedimento imposto dall’Autorità.

L’uomo, già sottoposto ad una misura cautelare emessa dal Tribunale di Frosinone, che gli imponeva il divieto di dimora ad Alatri e di avvicinamento ai luoghi frequentati dai propri genitori abitanti in quel centro, poiché tratto in arresto nell’ottobre del 2018 per il reato di estorsione commesso nei loro confronti, nella serata di ieri veniva sorpreso dagli operanti nell’abitazione di quest’ultimi mentre infastidiva la madre, la quale era costretta a richiedere l’intervento dei militari.