“Anagni Cambia Anagni”, gruppo consiliare che nell’assise civica fa riferimento al dott. Nello Di Giulio, chiede un intervento urgente per risolvere le situazioni di particolare degrado nelle vie di collegamento di piazza Cavour nelle sue vie di collegamento verso i quartieri di Piscina e Santa Chiara/San Pancrazio.

Con l’interrogazione, protocollata ieri e recante il numero 23149, lo stesso dott. Nello Di Giulio, nella sua qualità di capogruppo del gruppo civico, chiede di conoscere con risposta scritta, ai sensi dell’art. 20 del Regolamento del Consiglio Comunale, “quali provvedimenti urgenti l’amministrazione intende adottare per ripristinare un appropriato livello estetico e di sicurezza dell’intera area, con particolare urgenza nella via Umberto Puccini per il suo livello di rischiosità per i cittadini che ogni giorno la percorrono per motivi residenziali o per i turisti che s’incamminano verso il convento di Santa Chiara e la sua splendida chiesa a lato dell’omonima piazza“.

Da tempo – fa sapere il dott. Di Giulio – persiste un’inammissibile incuria, tant’è che in via Vincenzo Giminiani, come nel Portico Umberto Litti e, in particolare, nella via Umberto Puccini si coglie un degrado generalizzato con ferraglie cadenti da contatori in disuso, accessi e pareti di muri manomessi, materiali da tempo abbandonati, tratti del piano scale sconnessi e livelli mattonati totalmente divelti”.

“Piazza Cavour – spiega il dott. Nello Di Giulio – ha da sempre costituito il “salotto” della città di Anagni: basterebbe ricordare in tal senso l’insigne storico tedesco Ferdinand Gregorovius che ebbe a definirla Una tra le più belle terrazze d’Europa; da più parti sono stati lanciate vere e proprie grida d’allarme per un evidente progressivo abbandono di alcuni suoi palazzi storici, per la chiusura di locali commerciali, degrado dell’ornato e tabelle turistiche, nonché per l’inserimento – salvo rara lodevole eccezione – di insegne, arredi e stili dehors improvvisati. Inoltre – conclude il dott. Di Giulio – in alcune ore della giornata anche l’inappropriato parcheggio auto rasenta aspetti di vera e propria caoticità“.