Danni per decine di migliaia di euro ma pure il rammarico di vedere cadere a pezzi, nel giro di una notte, il lavoro di anni; il furto perpetrato a danno del Frantoio Sociale dell’Ente Agrario di Gallicano nel Lazio – la scorsa notte – è valso agli ignoti malviventi che l’hanno compiuto una refurtiva che costituiva patrimonio dell’intera comunità gallicanese.

“Ad essere stati portati via sono stati il generatore di corrente ed altri importanti dispositivi per il funzionamento delle macchine”, fanno sapere dalla direzione del Frantoio.

“Lo spregevole gesto, già verificatosi in precedenti occasioni – è scritto in una nota inviata a questa redazione dal Comitato di Gestione dell’Università Agraria di Gallicano nel Lazio – ci indigna oltremodo perché la comunità di Gallicano è stata privata degli strumenti necessari per la messa in funzione di un importante impianto qual è quello del frantoio e del diritto ad una migliore produzione di un prodotto locale di eccellenza come il nostro olio.

Il Comitato esprime tutta la sua indignazione e conferma comunque tutto l’impegno per cercare di garantire la prossima stagione olearia nel miglior modo possibile e con le necessarie garanzie a tutela dell’Ente e dell’intera Comunità”.