Un finanziamento di 70.000 euro dal Ministero dell’Istruzione per l’adeguamento degli edifici scolastici alla normativa antincendio: ad ottenerlo, l’amministrazione comunale di Anagni su richiesta curata dal consigliere subdelegato ai Bandi e Finanziamenti Davide Salvati (FdI). Tali fondi – spiegano dal Comune di Anagni – verranno utilizzati per adeguare l’impianto antincendio della scuola comunale “Raffaele Ambrosi De Magistris” di Viale Regina Margherita.

“Ho presentato questa domanda ritenuta valida dal Ministero dell’Istruzione ottenendo 70.000 euro di fondi strutturali per l’istruzione, l’edilizia scolastica e la scuola digitale – spiega il giovane consigliere Davide Salvati – nonostante l’emergenza sanitaria determinata dal Covid 19 abbia influito negativamente su molte procedure, l’attività amministrativa di Anagni non si è fermata ed è riuscita ad ottenere anche questo importante risultato. Il bilancio di quest’anno sarà infatti naturalmente assorbito da priorità legate all’emergenza coronavirus, ecco perché è fondamentale ottenere finanziamenti da poter destinare ad opere di vitale importanza”.

Soddisfatto anche il consigliere subdelegato alla Pubblica Istruzione ed Edilizia Scolastica Riccardo Ambrosetti (FdI): “ringrazio il consigliere Salvati per aver presentato la domanda poiché per l’Amministrazione sarà essenziale disporre di questi fondi per progettare ed eseguire poi i lavori. A livello tecnico era la scuola “De Magistris” a necessitare prioritariamente di interventi d’adeguamento alla normativa antincendio ed è per questo che è stato presentato un progetto relativo a questo storico istituto scolastico anagnino. Un istituto che necessita di importanti opere d’adeguamento che sono state riconosciute di vitale importanza anche dal Ministero dell’Istruzione. Le scuole anagnine non saranno interessate solo da lavori per le procedure anti-Covid ma anche dagli adeguamenti tecnici per rispettare le ultime norme in materia di antincendio, una questione ordinaria questa che necessitava però di risposte da parte dell’ente”.

Ai due esponenti della maggioranza fa poi eco il primo cittadino Daniele Natalia che spiega: “il Comune quale te proprietario delle scuole ha il dovere di rispondere alle esigenze della popolazione scolastica garantendo ad alunni, docenti e personale gli standard più elevati in materia di vivibilità degli spazi. Adeguare un edificio, in tal caso anche molto vecchio come la scuola “R. Ambrosi De Magistris”, alla normativa antincendio richiede ingenti risorse economiche che l’Amministrazione ha ottenuto grazie alla domanda presentata dal consigliere Salvati. Ritengo che proprio agli interventi sugli istituti scolastici cittadini vada data priorità per garantire un rientro a settembre in tutta sicurezza e su questo il consigliere Ambrosetti è già a lavoro. Molte volte sulle scuole non si fanno scelte strategiche, la nostra Amministrazione ha deciso invece di cambiare passo su questo».