Filettino

Ciò che più colpisce, sono i fatti: molti. Alcuni con una valenza più simbolica, altri con un impatto più immediato nella vita quotidiana della comunità filettinese. E’ il bilancio stilato dall’amministrazione comunale di Filettino guidata, dal 10 giugno 2018, dal sindaco Gianni Taurisano: “un biennio di intenso lavoro dedicato al futuro di Filettino”, spiega lo stesso primo cittadino.

Gianni Taurisano, sindaco di Filettino

E l’occasione è buona anche per togliersi qualche sassolino dalla scarpa: “non sono stati due anni facili: prendere in mano una situazione senza il necessario passaggio di consegne, dove l’amministrazione uscente si è deliberatamente resa latitante al fine di creare problemi (a noi o al Paese?) è stato, è e rimarrà un marchio di disonore indelebile senza se e senza ma“, fa sapere il sindaco.

“Malgrado le difficoltà finanziarie che ha il nostro piccolo Comune, gli ostacoli trovati e le crescenti richieste – aggiunge – abbiamo cercato di mettere in campo politiche virtuose in grado di essere sostenibili, mantenere servizi adeguati cercando di attivare misure per migliorare la vita della nostra comunità. Un lavoro quotidiano, costante che ci ha consentito, malgrado tutto, di cominciare a portare a casa importanti risultati. Alcide De Gasperi ebbe a dire: «Politica vuol dire realizzare». Alcuni importanti punti del programma sono stati conseguiti, altri sono in fase di realizzazione e altri si concretizzeranno prima della scadenza del mandato“. E giù un lungo elenco di cose realizzate finora, in due anni di guida del paese. Lo riportiamo integralmente e senza modifiche, così come ci è stato inviato dallo stesso sindaco:

CAMPO STAFFI

La stazione sciistica ha sempre rappresentato un punto fondamentale dell’economia del Paese. Per questa ragione la abbiamo immediatamente posta in cima ad ogni priorità e la nostra strategia è stata rivolta all’acquisizione completa della stessa, proprio per poter presentare un progetto pluriennale e pluristagionale di sviluppo e rilancio.

E’ stato concluso l’accordo con la Regione Lazio per il ritiro della “famigerata” cartella esattoriale: non abbiamo trovato atti scritti, anteriori alla nostra Amministrazione, per la risoluzione della cartella in questione (Determina Regione Lazio G13513 del 09/10/2019).

La liquidazione del Consorzio, iniziata nel 2013, ha visto solo ora la definizione della cartella di Equitalia e l’accollo da parte del Comune di euro 182.849,00 ( con una riduzione di 70.000 euro).

Recentemente è stato altresì concluso un accordo transattivo con la Soc. ITI s.r.l., già gestore degli impianti, riducendone cospicuamente e sensibilmente il contendere nonché gli oneri degli Avvocati di parte.

Ora siamo in attesa dell’atto notarile di assegnazione dei beni e degli impianti dal Consorzio in liquidazione al Comune di Filettino. Nel frattempo è stato affidato all’ing. Pier Paolo Grassi – direttore tecnico della Adyton Engineering srl di Roma, con indiscussa esperienza nel settore impianti funiviari – lo studio ed il progetto di razionalizzazione del comprensorio sciistico di Campo Staffi. È nostra intenzione presentare dopo oltre 15 anni e per la prima volta, un progetto visibile e concreto che porti al rinnovamento della stazione con l’apertura invernale ed estiva.

In questi due anni sono state effettuate lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria agli impianti del Ceraso ed Anticotento. La sicurezza degli impianti, nell’esercizio invernale 2017/2018, era stata seriamente compromessa, così come riportato nella relazione della ditta che ha eseguito i lavori di manutenzione e ripristino, agli atti dell’Ente.

Dobbiamo far rilevare che nel corso degli anni sei impianti su otto sono stati fatti scadere.

Citiamo, come esempio lampante, il caso di Valle Manuela per la quale, se fosse stata richiesta la proroga tecnica entro Novembre 2017 con le adeguate manutenzioni, la stessa avrebbe potuto essere impiegata per altri 10 anni.

Abbiamo regolarizzato il locale posto alla base di Valle Manuela, portandolo da locale tecnico a locale commerciale, regolarizzandolo sino al rilascio della agibilità, accatastato tutti gli impianti, correggendo anche gli errori rilevati, effettuato la ricognizione catastale di tutti i beni del Comprensorio di Campo Staffi, per i quali, molti, non risultavano iscritti a favore del Comune di Filettino .

USI CIVICI

La Corte Costituzionale con sentenza 113 del 30 maggio 2018 ha dichiarato la illegittimità costituzionale dell’art. 8 della L.R. 1/86, come modificato all’art. 8 della L.R. 6/05, precludendo la possibilità di autorizzare le alienazioni di terre di demanio collettivo edificate ovvero divenute edificabili, sulla base di norme regionali.

Questo ha portato alla paralisi totale della problematica per la cessione degli immobili, creando un danno economico ai proprietari di terreni ed abitazioni che intendevano procedere alla vendita dei loro beni.

Unica normativa di riferimento per la disciplina degli usi civici resta la Legge 1766/1927 ed in assenza di ulteriore normativa, da parte della Regione Lazio – “Area Usi civici, credito e calamità naturali”, l’unica strada percorribile resta quella della Conciliazione.

E così, sulla base di controversie avanzate da singoli cittadini, l’Amministrazione Comunale di Filettino ha condiviso e supportato le richieste di conciliazione, dinnanzi al Commissariato per gli Usi Civici per il Lazio, Umbria e Toscana, presieduta dal dott. Pietro Catalani.

Abbiamo affrontato, nel 2019, il primo caso di una controversia, durata ben 22 anni e risolta in meno di un anno dal nostro insediamento, partecipando attivamente alle udienze, laddove, come ha evidenziato un legale di parte, altre Amministrazioni non si degnavano neanche di presentarsi, rinviando sine die, ad una fantomatica conciliazione per la risoluzione del problema. In questo caso il Giudice ha riconosciuto che il bene aveva natura privata, pur provenendo dal patrimonio collettivo di Filettino.

Ad aprile scorso, altri otto casi sono stati risolti a favore dei ricorrenti. Il Commissario ha riconosciuto la natura di diritto privato delle aree oggetto di causa, ed approvati gli atti di conciliazione tra i ricorrenti ed il Comune di Filettino. La Regione Lazio ha dovuto riconoscere che, le vendite effettuate dal Comune, hanno consolidato la loro efficacia, in ragione della buona fede di entrambe le parti contraenti. Restano ovviamente vigenti i vincoli paesaggistici riconducibili alla L. 168/2017 e D.Lsg 42/2004.

Abbiamo peraltro nominato il nuovo Perito Demaniale, che curerà la creazione di un archivio digitale degli usi civici , effettuerà la verifica del precedente studio e delle pratiche in corso.

AREA ARTIGIANALE

Ad agosto 2018 un volantino dell’opposizione ha lanciato il sasso, nascondendo poi la mano, accusandoci nel contempo di pagare “cambiali elettorali”. Sulla base di tale illazioni la Procura di Frosinone ha avviato una indagine che ha generato grandissimi problemi, anche istituzionali. A tutela di tutta l’Amministrazione ho prodotto un esposto a chiarimento della problematica. Il responsabile dell’Ufficio Tecnico ha dovuto ricostruire una storia risalente a decenni addietro, a cui nessuna amministrazione aveva messo la necessaria attenzione per la salvaguardia dell’area ed a tutela degli occupanti dei lotti assegnati.

Ci siamo adoperati per avviare immediatamente tutto quanto necessario affrontando, con decisioni anche impopolari, una situazione di degrado totale, emesso ordinanze per la demolizione di ulteriori opere abusive in un contesto naturalistico importante, richiesto ed ottenuto finanziamenti per eseguire i lavori di adeguamento idrogeologico che saranno di imminente esecuzione.

LAVORI CONCLUSI

Messa a norma dell’Isola Ecologica sita in località San Nicola, realizzata già ma non rispondente alla normativa in vigore.

Per la prima volta è stato redatto il piano sicurezza per lo svolgimento di sagre e manifestazioni.

Eseguiti gli inventari delle pratiche edilizie e cimiteriali.

Redatti i Regolamenti relativi alla Gestione RSU, al conferimento al centro di raccolta, alla Polizia Mortuaria, alla Videosorveglianza.

E’ stato ristrutturato il bottino dell’acqua potabile “La Radica” presso le sorgenti dell’Aniene, mai stato oggetto di manutenzione e ristrutturazione da oltre 40 anni.

E’ stato ristrutturato il depuratore comunale: il primo lotto è completato con importanti opere e l’installazione di uno sgrigliatore elettromeccanico di moderna concezione. Altre opere di ristrutturazione saranno prossimamente commissionate..

Sono stati messi a bando numerosi tagli boschivi per un introito di circa 190.000,00 euro.

E’ stato regolarizzato il locale comunale di via I Maggio, storicamente utilizzato come locale commerciale quando in realtà si trattava di un locale cantina, fino ad avere l’agibilità.

Sono stati completati i lavori avviati negli anni 2000 presso il Parco Graziani, effettuato il taglio degli alberi per la messa in sicurezza dell’area, senza oneri per l’Ente, e provveduto – grazie al contributo di un privato – alla sostituzione delle piante.

E’ stata attivata la gestione della Tesoreria Comunale da parte di Poste Italiane s.p.a. con significativa riduzione degli oneri sostenuti dall’Ente ( un risparmio di circa 14.000 euro/anno). Siamo oggi in attesa del sopralluogo per la realizzazione del punto ATM.

Nel segno della tradizione abbiamo continuato ad organizzare con la Croce Rossa – sez. di Piglio, giornate mirate alla prevenzione cardiologica ed eseguite analisi di routine.

Abbiamo ottenuto dal Ministero dell’Interno un contributo con il quale si è proceduto all’installazione di un sistema di videosorveglianza (12 telecamere di cui due con lettura targa), che entrerà in funzione a breve (siamo in attesa dalla sola autorizzazione Prefettizia). Il sistema sarà progressivamente integrato a tutela di tutto il territorio;

Sono stati ripristinati i servizi igienici di P.le Aldo Moro e Piazza Caraffa.

LAVORI IN CORSO

Elisuperficie: ci stiamo adoperando per avviare il completamento della stessa con l’illuminazione ed il glide di planata, impianti necessari al fine di richiederne la certificazione ad uso notturno per il soccorso sanitario. Il precedente progetto era mirato solo all’uso diurno per l’antincendio boschivo.

E’ stata recentemente esperita la gara per l’affidamento dei lavori di separazione del sistema di raccolta acque nel centro storico (il finanziamento era stato richiesto dalla precedente Amministrazione, ma mancavano i progetti esecutivi, i pareri e quant’altro necessario per indire la gara);

Abbiamo ottenuto il parere favorevole inerente il vincolo idrogeologico dell’area cimiteriale, necessario per la realizzazione delle cappelle e dei nuovi loculi; anche questo un lavoro fermo da anni in quanto il progetto esecutivo era stato approvato senza tale nulla osta;

Abbiamo ottenuto un finanziamento per il completamento dei lavori, dell’Ostello San Nicola ed è in corso l’affidamento dei lavori; anche qui proprietà comunali abbandonate da anni, che avrebbero potuto trovare invece impiego turistico a favore della collettività;

Abbiamo presentato ad “Aree Interne 3” la richiesta di contributo alla organizzazione dell’Ostello “San Bernardino” e dell’Ostello “Il Girasole” ai fini della loro gestione, finalizzata ad incentivare la ricettività del territorio.

Concluso il bando ed assegnata la revisione della toponomastica e della numerazione civica.

La compostiera richiesta dalla precedente Amministrazione è prossima alla sua installazione ma, per il numero di abitanti residenti, dubitiamo l’efficace impiego.

Abbiamo ottenuto due finanziamenti per la sistemazione dell’attuale Sede Comunale e del Palazzo Comunale Graziani, pari ad un importo di circa euro 300.000,00. I progetti sono cantierabili ed entro la fine dell’anno si prevede l’avvio delle opere.

Prossima implementazione dei servizi on-line per il Comune.

Abbiamo aderito al bando per la fornitura di tre pensiline COTRAL.

Abbiamo partecipato al bando e richiesto un contributo di 40.000,00 euro per il rifacimento della scalinata Piazza A. Moro.

ATTIVITÀ DECLASSATE

Per quanto concerne la nuova scuola, tutta l’area perimetrale al centro urbano, rientra in una fascia di rischio idrogeologico R3. Ad oggi né l’Autorità di Bacino del Tevere né la Regione Lazio, hanno concordato un incontro congiunto, atto alla verifica delle aree ed al loro declassamento, per la costruzione di un nuovo edificio, il cui progetto esecutivo fu approvato senza la relazione geologica, che, avrebbe evidenziato, la non adattabilità del sito e quindi la necessità del declassamento.

Largo Martino Filetico, sede del Comune di Filettino

Queste le attività e le iniziative portate a termine in soli due anni, oltre a molte altre intraprese ed in corso di definizione”, spiega ancora il sindaco dalla sede comunale di Largo M. Filetico: “come Sindaco, devo ringraziare gli Assessori ed i Consiglieri comunali – che hanno prestato il loro impegno per il buon funzionamento dell’Istituzione – i Dipendenti comunali ed i Collaboratori esterni per il supporto che mi hanno offerto, interfacciandosi, ogni giorno, ad ogni ora, con le necessità ed i bisogni espressi dai cittadini. Un grazie sincero desidero rivolgerlo ai Volontari ed alle Associazioni, che non si sono mai sottratti a dare una mano nelle iniziative che hanno caratterizzato la vita della nostra comunità.

Come Amministrazione ringraziamo voi, cari concittadini, che contribuite quotidianamente a tenere salde le maglie di un comunità meravigliosa qual è quella in cui viviamo, partecipando così alla definizione dell’identità del nostro Comune.

Conclude, infine, il sindaco: “ci auguriamo di trascorrere tutti una serena estate, lontano dai pensieri brutti che hanno caratterizzato le nostre vite in questi ultimi mesi. Filettino è un paese meraviglioso, e qui gli spazi non mancano per fare passeggiate, respirare aria buona e godere della nostra meravigliosa Natura, il tutto nel pieno rispetto delle regole di sicurezza, per il bene di tutta la Collettività”.