Fiuggi

“Siamo molto preoccupati dal silenzio dell’amministrazione sulla pista ciclabile urbana e dalla confusione rispetto alla possibile apertura della Fonte Anticolana“.

E’ quanto scrivono in una nota inviata a questa redazione i tre esponenti del gruppo civico Fiuggi Viva Martina Innocenzi, Angelo Terrinoni ed Alessandra Pirazzi. Ecco, di seguito, la nota integralmente riportata:

Il miraggio della Pista ciclabile: sulla pista ciclabile ad oggi l’amministrazione non ha ancora inviato all’ASTRAL il progetto definitivo, finendo per mettere a rischio il finanziamento a causa del colpevole ritardo maturato. A causa delle divisioni interne alla Giunta ed alla palese contrarietà all’opera dell’assessore Fiorini, non sarà possibile comunicare ai turisti ed ai cittadini l’intervento questa estate e probabilmente l’opera non vedrà la luce prima della prossima primavera.

Una Bike Line subito: invitiamo l’amministrazione a riflettere sull’opportunità di realizzare con urgenza una bike line mediante apposita segnaletica orizzontale e verticale, ricalcando il percorso su cui in futuro sorgerà la vera pista ciclabile urbana.

Aprire subito la Fonte Anticolana: un ruolo centrale, nell’ottica di una nuova offerta turistica, può essere svolto dalla Fonte Anticolana. L’amministrazione e Atf non sanno ancora indicare una data di apertura, lasciando peraltro aperta l’ipotesi di tenerla chiusa per risparmiare sui costi di gestione.
A nostro avviso la Fonte Anticolana deve essere aperta e funzionante, se non per le classiche cure idropiniche, come parco per l’attività fisica in totale sicurezza ed animato da apposite convenzioni non solo con i centri estivi, ma anche e soprattutto con circoli, palestre e realtà sportive locali.

Le risorse, dove trovarle: Le risorse per realizzare gli interventi non mancano a partire dal contributo che può mettere a disposizione A.T.F. insieme ai fondi stanziati da Governo e Regione, oltre alla capacità di spesa recuperabile attraverso la rinegoziazione dei mutui aperti con cassa depositi e prestiti.