Dal circolo del Partito Democratico di Anagni riceviamo la nota che segue e che pubblichiamo in forma integrale e senza modifica alcuna:

nei giorni scorsi il Sindaco Natalia sembra aver raccolto positivamente il nostro invito ad una collaborazione con il PD e con l’opposizione per fronteggiare la grave emergenza del Covid-19 in spirito di unità seppur nel rispetto dei rispettivi ruoli e prerogative.

Non comprendiamo la polemica inutile innescata contro il nostro consigliere comunale Sandra Tagliaboschi che, nel richiedere l’accesso agli atti riguardanti la procedura di acquisto di mascherine da parte del Comune, non ha fatto altro che svolgere il proprio ruolo ed attenersi alle responsabilità proprie di un rappresentante dei cittadini.

Ma non è il momento della polemica e degli approfondimenti sulle dialettiche tra maggioranza ed opposizione; come partito vogliamo concentrarci sulla disponibilità dimostrata da Natalia nel raccogliere il nostro appello e ci permettiamo di anticipare ai nostri concittadini tre nostre proposte per la ripresa delle attività economiche e sociali del nostro territorio.

Diamo atto all’Amministrazione di aver colto l’opportunità di poter procedere alla sospensione della Tassa per l’Occupazione del Suolo Pubblico in favore di esercenti e titolari di attività di somministrazione presenti nel nostro territorio. Proponiamo di estendere questo provvedimento a tutte le attività economiche del territorio interessate, comprese quelle del settore delle costruzioni e dell’agricoltura. A questo proposito chiediamo al Sindaco se non abbia messo mano al Regolamento che consentirebbe agli esercenti un ampliamento degli spazi pubblici attualmente a loro disposizione per poter esercitare le proprie attività all’esterno, anche al fine di favorire il necessario distanziamento della clientela con un’adeguata sistemazione all’aperto di tavoli e sedie e piani di lavoro.

Proponiamo al Sindaco e all’Amministrazione Comunale di individuare le risorse a propria disposizione per l’erogazione di un contributo minimo di 500 € a sostegno delle piccole imprese e degli operatori economici della Città, seguendo l’esempio di altri Comuni vicini come quello di Ferentino.

In questi giorni di ripartenza abbiamo notato come gli anagnini si sono mostrati desiderosi di tornare ad uscire ed incontrarsi per godere dell’aria aperta e delle bellezze della nostra Città, attenendosi alle misure previste per il rispetto delle distanze di sicurezza.

Per questo, visto l’approssimarsi della stagione estiva, chiediamo all’Amministrazione Comunale di valutare l’iniziativa della pedonalizzazione del Centro Storico, intervento finalizzato non solo ad incentivare le persone a frequentare la nostra bellissima Città e consentire loro la fruizione dei servizi offerti dai punti vendita e dai centri di somministrazione e di ristorazione ma necessario anche per dare la possibilità a famiglie e lavoratori di poter transitare liberamente in centro mantenendo le distanze di sicurezza.

Ci auguriamo che il Sindaco individui le sedi e le sedi occasioni di discussione, anche attraverso il ricorso agli strumenti informatici, ove poter approfondire queste importanti questioni, a cominciare dalla convocazione della Commissione Consiliare per le Attività Produttive, come più volte richiesto dai Consiglieri Comunale di minoranza che partecipano a tale Organismo”.