il centro storico di Ferentino

“In questi giorni caratterizzati dalla fase emergenziale dovuta al COVID-19 numerose sono state le telefonate di lamentela e di chiarimenti normativi pervenute da parte dei commercianti del Comune di Ferentino a causa di quanto loro detto a voce dal Sindaco del Comune di Ferentino riguardo il divieto di poter effettuare consegne a domicilio oltre le ore 19:00, pena l’elevazione di verbali di accertamento”; lo scrive in una nota l’avv. Patrizio Coppotelli, segretario politico della Lega Salvini Premier di Ferentino, secondo il quale “è assodato che sia i DPCM vigenti sia le Circolari Ministeriali, nonché le Ordinanze della Regione Lazio, tutti vigenti, hanno espressamente previsto la possibilità per le attività chiuse al pubblico, e quindi non rientranti nei codici ATECO, di poter effettuare consegne a domicilio nel rispetto delle prescrizioni preventive igienico sanitarie dagli stessi indicate senza porre alcun limite di orario”.
Spiega, poi, l’avv. Coppotelli: “solo nel Comune di Ferentino, emerge da alcuni giorni la lamentela, associata alla confusione ed alla preoccupazione, ricevuta di molti commercianti ai quali, si ribadisce, previa richiesta di chiarimenti a riguardo, sulle consegne a domicilio.
É evidente come non vi è alcun provvedimento del Governo, dei Ministeri, della Regione Lazio, della Prefettura di Frosinone, del Sindaco di Ferentino stesso, che vieta la consegna a domicilio dopo le ore 19:00. Pertanto, il Coordinamento Lega di Ferentino, che prima d’ora per mezzo del Consigliere Berretta aveva fatto simile richiesta rimasta purtroppo inevasa, chiede al Sindaco di Ferentino di chiarire sul punto pubblicamente, con sollecito, e senza interpretazioni personali, nei confronti di tutti commercianti e di tutta la cittandanza: è possibile fare consegne a domicilio oltre le ore 19:00 e quali sono le norme o i provvedimenti emessi, e quindi pubblicati, che non le consentono espressamente?”.