uno scorcio di Filettino

La comunità filettinese piange la scomparsa di due apprezzati concittadini che negli anni passati in più occasioni hanno dato lustro e rappresentato un valido motivo di orgoglio per il piccolo ma caratteristico Comune ciociaro. Si tratta di Silvio Nardecchia, venuto a mancare all’età di 99 anni nella sua casa di Filettino, e di Guglielmo Papararo, maestro di chitarra di fama internazionale.

Silvio Nardecchia

Silvio Nardecchia, bravissimo scrittore e poeta, maestro della Banda Musicale di Filettino dal 1960 al 1965, ha fattivamente collaborato con mons. Alessandro De Sanctis, storico Parroco di Filettino. Famose sono le sue due riduzioni per Banda relative alle Opere di Vincenzo Bellini “La Sonnambula e La Norma”. Tra il 1968 e il 1970 ha anche ricoperto la carica di sindaco di Filettino.
A Claudio e Maria Rosaria, figli di Silvio – descritto come “pietra miliare per la comunità di Filettino” – alla nuora prof.ssa Giuseppina Antonucci ed a tutta la famiglia, il Sindaco Gianni Taurisano e tutta l’amministrazione comunale esprimono le più affettuose e sincere condoglianze.

Guglielmo Papararo

Stesso sentito ed autentico cordoglio il primo cittadino, a nome anche dell’amministrazione comunale, l’ha espresso per il maestro Guglielmo Papararo, sempre presente ed attivo collaboratore, assieme a sua moglie Nicoletta Arcuri, nella realizzazione delle manifestazioni culturali del paese.
La Comunità di Filettino, il sindaco e tutta l’Amministrazione comunale, esprimono alla amata Nicoletta ed ai figli le più sincere affettuose manifestazioni di cordoglio: “ciao Guglielmo, le note delle musiche che hai composto resteranno come te, nei nostri cuori”.