Alle ore 2:13 di venerdì 3 aprile in tutta la provincia di Roma e di quella di Frosinone una scossa di terremoto è stata avvertita dalla popolazione. Secondo i rilevamenti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il sisma ha avuto ipocentro a 16 km di profondità a ed epicentro tra Marcellina e San Polo dei Cavalieri, dalle parti di Tivoli, alle porte della Capitale. La scossa è stata avvertita dal molte persone, svegliate dal tremore; nelle zone dell’epicentro molti riferiscono di aver sentito un boato. Il terremoto è stato ampiamente risentito in tutta l’area a est di Roma e all’interno della Capitale, soprattutto nei quartieri orientali. “Risentimenti anche ai Castelli e in Abruzzo”, si legge sul sito dell’INGV; il sisma in provincia di Roma non è stato l’unico episodio verificatosi stanotte. Un altro terremoto, di magnitudo ML 3.3, è avvenuto nella zona della Costa Ionica Crotonese (Crotone), sempre nella notte di oggi, 3 aprile 2020. Quest’ultimo evento, con coordinate geografiche (lat, lon) 39.08, 17.16, si è verificato ad una profondità di 26 km ed è stato localizzato dalla Sala Sismica INGV-Roma. Ad ora, non si registrano danni a persone o cose.