Non si è fatta attendere la risposta del gruppo consiliare “Cuori Anagnini”, per voce del consigliere comunale Luigi Pietrucci, alle parole riportate ieri da questo giornale del segretario cittadino del Partito Democratico Egidio Proietti e dell’ex assessore al Bilancio Aurelio Tagliaboschi. Di seguito riportiamo la nota, integrale e senza modifiche, inviata al nostro quotidiano da Luigi Pietrucci:

“Ci son cascato di nuovo…”
L’inizio della canzone sanremese di Achille Lauro, sembra calzare a pennello al ragionier Tagliaboschi.
Per chi come lui da sempre vive di politica, deve essere davvero difficile restare fuori dai giochi per troppo tempo. È comprensibile.Purtroppo per lui nell’ultima tornata elettorale, l’escamotage di far candidare la sorella per poi ottenere la poltrona di comando della città, non ha funzionato come nel 2014.
Quello che però non si riesce a capire, è questa improvvisa voglia di Tagliaboschi di fare confronti pubblici. Proprio lui che durante la precedente amministrazione, non si è mai confrontato con nessuno. Nè con l’allora opposizione consiliare né con quella extra consiliare. Qualche suo ex collega afferma addirittura che non si confrontasse nemmeno con la sua maggioranza, ma questa è un’altra storia.
Torniamo a ripetere per l’ennesima volta all’ex “Deus Ex machina” della giunta Bassetta, che durante la prossima campagna elettorale, potrà confrontarsi pubblicamente con chiunque. A patto che stavolta scelga di candidarsi in prima persona. Senza escamotage o scappatoie.
Magari da qui al 2023 trova pure il tempo per ripassare il bilancio consolidato.Nel frattempo noi rimaniamo concentrati su Anagni che ha molta strada da fare e tempo da recuperare.