Ieri pomeriggio, i militari della Stazione Carabinieri di Arce hanno portato a termine un’ordinanza della misura di custodia cautelare della permanenza in casa emessa dal GIP del Tribunale dei Minorenni di Roma nei confronti di un 16enne residente nel sorano (già censito per stupefacenti). Il provvedimento emesso dall’autorità giudiziaria concorda con le risultanze investigative condotte dei militari relativamente ad una rapina avvenuta il 3 gennaio scorso ad Arce ai danni di un 34enne (già censito per stupefacenti). L’uomo, nel formalizzare la denuncia, ha riferito che a causa di dissidi legati all’acquisto di droga, è stato picchiato da quattro soggetti (riportando delle lesioni guaribili in due settimane circa), derubato del suo telefono cellulare nonché della somma contante di euro 200 circa ed alcune dosi di crack. Gli accertamenti effettuati hanno permesso di identificare i malviventi, denunciati in stato di libertà lo scorso 13 febbraio (già oggetto di comunicato stampa), nel 16enne sopra indicato e tre maggiorenni (di cui due già censiti per stupefacenti) anch’essi residenti nel circondario.