Non ce l’ha fatta, purtroppo, l’operaio rimasto vittima nella mattinata di oggi – lunedì 24 febbraio – di un terribile incidente sul lavoro avvenuto all’interno di alcuni capannoni di pertinenza di un’azienda che opera nel settore del recupero e trasformazione di gomma e plastica e che si trova a due passi dal casello autostradale Anagni-Fiuggi. Stando ad una prima ricostruzione effettuata dai Carabinieri della Compagnia di Anagni coordinati dal mar. Massimo Crescenzi, pare che il giovane – per cause ora al vaglio degli stessi militari – sia stato investito in pieno da una grossa struttura in cemento che non gli ha lasciato scampo. Il giovane era originario della Costa D’Avorio, aveva da poco compiuto 24 anni e viveva nel centro storico di Anagni in compagnia di due suoi connazionali.

A soccorrere il giovane per primi sono stati i colleghi di lavoro i quali hanno avvertito subito i soccorsi giunti sul posto pochi minuti dopo. Constatata la gravità della situazione, il personale medico-ospedaliero ha fatto intervenire una eliambulanza dell’Ares 118 che – però – è ripartita senza il paziente a bordo. Sul posto anche gli ispettori dell’ASL che dovranno ora accertare se al momento dell’incidente erano state messe in atto tutte le misure di sicurezza atte a prevenire gli incidenti sul lavoro.