“Crescere in sicurezza. La Protezione Civile a scuola” è il titolo del progetto promosso dalla direzione scolastico del Primo Istituto Comprensivo di Ferentino, diretto dalla prof.ssa Angela Marone, per diffondere la cultura della prevenzione, della solidarietà ma, soprattutto, insegnare ai ragazzi comportamenti consapevoli in caso di allerta o emergenza. In una parola: “resilienza”.
Il progeetto – ideato e realizzato dall’Associazione di Protezione Civile A.V.E.R. (Associazione Volontari Emergenza Radio) – prenderà il via lunedì 17 febbraio e si articolerà in cinque giornate, a seconda dei plessi e delle classi interessate.
“Il primo appuntamento – si legge in una nota – è dedicato alle classi terze dei plessi Capoluogo, Domenico Salvatori, Pasciano, Simone Cola e Cameracanne: si svolgerà dalle 9.30 alle 11.30 nell’aula magna del plesso Capoluogo, che ospiterà anche le giornate del 24 febbraio (classi quarte) e 2 marzo (classi quinte) sempre nello stesso orario. Il 9 e il 16 marzo, invece, il corso interesserà i plessi di Fumone Pozzi (classi terze, quarte e quinte) e Fumone Secondaria I”. L’obiettivo, come sottolineato dagli organizzatori e dalla dirigente scolastica, è quello di avvicinare i bambini in età scolare alle tematiche di Protezione Civile, educarli al senso del pericolo e ad acquisire comportamenti corretti e condivisi in caso di emergenza o calamità. Sensibilizzare la scuola e i bambini ai temi della Protezione Civile significa contribuire anche a introdurre valori fondamentali come quelli della solidarietà, della necessità di occuparsi degli altri e aiutarli.
“Un progetto assolutamente encomiabile – sottolinea il sindaco di Ferentino, Antonio Pompeo – soprattutto perché trasmette ai nostri ragazzi l’importanza di conoscere regole e comportamenti corretti in caso di pericolo. La scuola si conferma un tramite fondamentale nella promozione di una cultura educativa improntata alla sicurezza e alla prevenzione”.