Home Provincia Frosinone, aperte le nuove rotatorie in zona de Matthaeis

Frosinone, aperte le nuove rotatorie in zona de Matthaeis

Giovedì 12 dicembre è stato inaugurato il nuovo assetto viario in zona De Matthaeis, realizzato con il coordinamento degli uffici comunali dei lavori pubblici, polizia municipale e assetto del traffico. A seguito della installazione delle nuove rotatorie, che avranno lo scopo di fluidificare la circolazione e permettere una maggiore fruibilità delle isole pedonali nel fine settimana, sono stati soppressi gli incroci semaforici con la contestuale attivazione del doppio senso di circolazione di marcia sull’ultimo tratto di via Marco Tullio Cicerone. In tal modo, gli automobilisti provenienti da via Marco Tullio Cicerone e dalla villa comunale potranno proseguire direttamente la marcia verso viale Roma, senza l’obbligo di immettersi prima in via De Matthaeis e, poi, in via Adige. Da una parte, dunque, sarà reso più agevole l’accesso al centro storico mentre, dall’altra, si potrà utilizzare viale Roma e la direttrice del viadotto Biondi, percorrendo viale Mazzini in discesa, per giungere sulla zona di via Marittima o, in generale, verso lo Scalo, evitando anche di sovraccaricare la stessa Monti Lepini. “In appena quattro giorni lavorativi è stato effettuato l’intervento di riassetto della circolazione viaria in zona de Matthaeis – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – dando dimostrazione, da parte dell’amministrazione comunale, di grande efficienza e qualità operativa. Attraverso il coordinamento tra l’ufficio dei lavori pubblici e la polizia municipale e, soprattutto, grazie all’attività instancabile del geom. Salvatore Cirillo che ha diretto le operazioni sino alle prime luci dell’alba, abbiamo dimostrato che è possibile effettuare i lavori anche in orario notturno, senza particolari aggravi economici e logistici. La macchina comunale può centrare obiettivi importanti, come già avvenuto in passato, mettendo sempre in campo la programmazione e l’organizzazione del lavoro”.