Home Area Nord Mantenimento della sede distaccata dell’Accademia di Belle Arti di Ferentino, il consigliere...

Mantenimento della sede distaccata dell’Accademia di Belle Arti di Ferentino, il consigliere Maurizio Berretta (Lega) chiede conto al presidente della Provincia di Frosinone e sindaco di Ferentino Antonio Pompeo

sede accademia Ferentino
Maurizio Berretta (Lega)

Il consigliere comunale Maurizio Berretta, capogruppo della Lega al consiglio comunale di Ferentino ha depositato, ieri mattina – mercoledì 4 dicembre – una interrogazione a risposta scritta ed urgente per chiedere conto del mantenimento della prestigiosa sede dell’Accademia delle Belle Arti a Ferentino, in via Antica Acropoli, pieno centro storico cittadino. La missiva, indirizzata al sindaco nonché presidente dell’ente provinciale Antonio Pompeo, al Prefetto di Frosinone e al rettore dell’Accademia delle Belle Arti, trae origine dalla convenzione tra Comune di Ferentino, Amministrazione Provinciale di Frosinone e Accademia delle Belle Arti di Frosinone sottoscritta nel 2014 per sostenere una sede accademica secondaria; tale scelta è ricaduta, appunto, sul centro storico di Ferentino, in un immobile di caratura storica, di proprietà della Spazio Costruzioni srl. “L’obiettivo fissato – spiega Berretta – era quello di ottenere risultati in termini di ricadute positive nel campo formativo, turistico, economico, sociale ed occupazionale, oltre a dare prestigio alla città stessa. Il Comune di Ferentino, in questi anni ha compartecipato, e compartecipa tuttora, al pagamento dell’affitto dei locali con 32.500,00 euro annui, al pari dell’amministrazione provinciale e la scadenza della convenzione sottoscritta tra le parti è fissata al 07 marzo 2020. Sembra definitiva la volontà da parte dell’amministrazione provinciale di Frosinone di recedere già in questi giorni dai patti della convenzione sottoscritta, di non mantenere i locali di prestigio della sede dell’Accademia a Ferentino. Forte – spiega ancora Berretta – è la volontà popolare di mantenere la sede a Ferentino, in quanto oltre al lustro che dà la stessa, la Città perderebbe quella caratterizzazione di polo di studio, e soprattutto i vantaggi in termini turistici, economici, sociali ed occupazionali del territorio. Per questo, alla luce del doppio incarico di Sindaco e Presidente della Provincia di Frosinone di Antonio Pompeo, nell’interrogazione consiliare a risposta scritta, ho chiesto il motivo per il quale come Presidente della Provincia ha deciso di recedere dai patti stipulati per la sede di Ferentino e se nella veste di Sindaco di Ferentino, è pronto a sostenere la ferma volontà popolare, a mantenere la sede accademica a Ferentino, in quanto oltre al lustro che dà la stessa, la città manterrebbe quella caratterizzazione di polo di studio, e soprattutto i vantaggi in termini turistici, economici, sociali ed occupazionali del territorio; inoltre l’ho invitato ad informare e portare prontamente all’attenzione l’intero Consiglio comunale, per ottenere gli indirizzi dallo stesso sul mantenimento della sede dell’Accademia delle Belle Arti a Ferentino. Di fatto con questo stato di cose, si decreta il fallimento di un progetto didattico/culturale dove sono state investite, a questo punto senza risultati, centinaia di mila euro pubblici; anche con una soluzione tampone di un locale in qualche “scantinato o sottotetto” a costo zero o quasi, sarebbe per la Città un inglorioso passo indietro”.