Home Anagni Anagni. Crolla una porzione del muretto in zona San Francesco, area delimitata...

Anagni. Crolla una porzione del muretto in zona San Francesco, area delimitata con nastro rosso e bianco; i residenti lanciano l’allarme

A seguito del sopralluogo della Polizia Locale, gli operai dell’ufficio tecnico comunale hanno delimitato con del nastro rosso e bianco l’area di accesso al vicolo che dalla circonvallazione sud, in zona san Francesco, porta alla sottostante via della Peschiera; l’intervento di messa in sicurezza si è reso necessario in conseguenza del crollo di una porzione del muretto che separa la strada dal vicolo.
“Fortunatamente in quel momento non passava nessuno e si è evitata la disgrazia”, ci sapere una ragazza residente in questa zona. Che, poi, aggiunge. “in un primo momento pensavamo fosse stato un veicolo ad urtarlo causandone il crollo ma osservandolo bene alla luce del giorno si vede bene lo sgretolamento dei materiali sottostanti ed il loro fradiciume dunque sembra evidente che il crollo è avvenuto per via dell’acqua. Diciamo acqua e non solo pioggia perché chi non abita sotto alla strada via circonvallazione 44 non sa che gia da qualche anno abbiamo problemi di acqua che sgorga da tutte le parti, dai muri, dai pavimenti, cantine allagate ecc. anche in estate”.
Secondo i residenti, a poco o a nulla sono serviti i reclami, gli esposti e i sopralluoghi dei Vigili del Fuoco: “considerando le violente piogge che si aggiungono al problema suddetto, ci chiediamo se l’altra parte del muro è sicura, se il palazzo oramai fradicio è sicuro. Se qualcuno si attiverà per verificare la nostra incolumità a tal riguardo, a fare delle azioni per risolvere il problema acqua perenne, a fare manutenzioni anche a livello di pulizia e riassetto delle scali diventate impraticabili soprattutto per gli anziani e disabili che hanno come “unico” accesso per l’abitazione il vicolo in questione. Se si può intervenire affinché i fiume di acqua piovana che arriva dalla strada venga incanalato lungo il vicolo senza che da questo arrivi alle abitazioni sottostanti”.