Home Provincia Anche i Vigili del Fuoco di Frosinone alla manifestazione a Roma: “meritiamo...

Anche i Vigili del Fuoco di Frosinone alla manifestazione a Roma: “meritiamo di più”

un momento della manifestazione che si è tenuta a Roma

Al grido di “I Vigili del Fuoco meritano di più” si è tenuta nei giorni scorsi a Roma la mobilitazione scandita da sit-in davanti alle sedi delle Prefetture e da una manifestazione davanti a Piazza Montecitorio. Il “corpo” ha già annunciato, per il prossimo 21 novembre, la partecipazione allo sciopero generale. All’iniziativa, organizzata da Cisl, Uil e Cgil di categoria ha partecipato anche il segretario provinciale Uil PA VV.F. di Frosinone Vincenzo Spinelli (foto in basso); insieme ai colleghi ha chiesto a gran voce “fatti concreti” altrimenti, ha detto, “non ci fermeremo!”.
Ha spiegato, poi, Spinelli: “va approvato subito l’emendamento che aumenta le risorse nella legge di bilancio. A Roma in piazza al nostro fianco, al fianco dei Vigili del Fuoco presenti, come sempre, Carmelo Barbagallo Segretario Generale Confederale e Nicola Turco Segretario Generale Uil PA: un segnale chiaro ed inequivocabile di vicinanza alla nostra causa”.

Vincenzo Spinelli, segretario provinciale Uil PA VV.F. di Frosinone

Al segretario provinciale Uil PA VV.F. di Frosinone ha fatto eco il segretario Generale Uil PA Vigili del Fuoco Alessandro Lupo: “i maggiori sindacati dei Vigili del Fuoco si sono uniti, non solo a Roma in piazza Montecitorio, ma davanti a tutte le Prefetture d’Italia al grido: “meritiamo di più”. Il nostro grido di rabbia – spiega ancora Lupo – ha svegliato la politica, causa in questi anni di abbandoni ed ingiustizie a nostro danno, ma non credano di ridurre noi Vigili del Fuoco a mero strumento di propaganda! La protesta – aggiunge ancora – non si ferma: abbiamo ricevuto garanzie sul fatto che i Vigili del Fuoco avranno un trattamento stipendiale e previdenziale al pari degli altri Corpi, ma vogliamo fatti concreti le promesse non bastano più e quindi confermiamo le quattro giornate di sciopero a partire dal primo appuntamento del 21 novembre.