Home Area Nord Paliano. La Regione Lazio ha approvato il progetto relativo al potenziamento della...

Paliano. La Regione Lazio ha approvato il progetto relativo al potenziamento della pista ciclo–pedonale Fiuggi –Paliano

La Regione Lazio finanzierà nel triennio 2019-2021 gli enti locali del Lazio per realizzare infrastrutture ciclabili, a seguito della manifestazione di interesse pubblicata alla fine dello scorso anno. Il progetto relativo al potenziamento della pista ciclo-pedonale Fiuggi-Paliano è stato presentato mediante l’adesione al progetto di prolungamento e messa in sicurezza promosso dalla XII Comunità dei Monti Ernici e dei comuni di Fiuggi, Acuto, Piglio, Serrone e Paliano per un importo complessivo di 1 milione e 450 mila euro, di cui 387mila euro destinati a Paliano. Fin qui la notizia. 

Per la cronaca si tratta della pista ciclabile più lunga d’italia, in gran parte in abbandono «snobbata» dai ciclisti. Il percorso è di 27 chilometri, ma rovi ed erbacce invadono ampi tratti e la manutenzione lascia a desiderare, anche perché c’è poco spazio per utilizzare mezzi agricoli nelle opere di pulizia. La pista, finanziata dalla regione Lazio, costò 6 miliardi di vecchie lire e si snoda in parte, lungo il tracciato dello storico trenino Roma-Fiuggi

Costruito lungo l’ex ferrovia Roma-Fiuggi, il percorso è poco utilizzato dagli appassionati del pedale. La scarsa manutenzione ha ridimensionato l’utilità dell’opera, voluta dall’allora assessore regionale Michele Meta (Pd) e realizzata per il Giubileo del Duemila. 

Oggi, più che ciclisti, lungo il tracciato si vedono le persone a fare jogging e passeggiate, nei tratti più praticabili e sicuri. Inoltre, la staccionata che la separa dalla strada Prenestina è, in diversi punti, rotta o rovinata. Gli interventi di conservazione spettano ai Comuni interessati (Fiuggi, Acuto, Piglio, Serrone e Paliano) che, però, con le risorse e i mezzi a disposizione non possono fare molto. Così le condizioni della pista per biciclette più estesa della Penisola restano precarie. 

Si è trattato della solita opera realizzata a suon di miliardi e poi abbandonata a se stessa come il “Centro Valorizzazione Territorio e Prodotti Tipici”, di proprietà della XII Comunità Montana “Monti Ernici” di Veroli con finalità turistica, agricola, alberghiera e marketing che si affaccia sulla via Anticolana, proprio di fronte allo svincolo che porta a Piglio. 

Giorgio Alessandro Pacetti