Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Pastificio Grania, l’innovazione tecnologica al servizio della migliore tradizione culinaria italiana: così nasce la pasta “Le Gemme del Vesuvio”

Giusto gusto è una rubrica a cura di Ivan Quiselli

Prosegue alle falde del Monte Somma, a Castello di Cisterna, in Campania, il nostro tour enogastronomico alla scoperta delle migliori tradizioni culinarie italiane; oggi è la volta del Pastificio artigianale Grania, produttore della pasta “Le Gemme del Vesuvio” e di tante, tantissime altre specialità gastronomiche. L’azienda, costituita in tempi relativamente recenti (nel 2004) dalla famiglia Fornaro, eredita l’esperienza della prima azienda di famiglia, la Ar.Ter. s.r.l., che opera da 35 anni nel settore aerospaziale e inoltre è specializzata nella manutenzione ed innovazione tecnologica di impianti per pastifici. “È nato da qui il desiderio di iniziare a produrre un prodotto che fosse nostro e di qualità il più possibile alta – spiega Arcangelo Fornaro del Pastificio Grania - per fare questo abbiamo deciso di mettere a disposizione tutte le conoscenze ed il know-how nel campo della tecnologia aeronautica, a servizio della tradizione pastaia napoletana propria del nostro territorio; così abbiamo realizzato il pastificio che riesce a produrre circa tre tonnellate al giorno, in più di 60 formati di pasta”.

Dall’inizio della commercializzazione, oramai più di dieci anni, il Pastificio Grania ha ricevuto numerosi consensi, arrivando inoltre ad ottenere risultati importanti e divenendo fornitore di molti ristoranti di alta fascia e stellati come Il Vairo del Volturno, Taverna Estia, Le calandre, Quattro passi, Le Macine, La Cantinella, Il contadino ed altri.

Le tante recensioni ricevute pubblicate sul sito dell’azienda o sulla pagina Facebook, attestano la qualità e la validità dei prodotti realizzati. “Siamo orgogliosi di essere conosciuti anche fuori dai confini nazionali – spiega ancora Arcangelo Fornaro -"Siamo stati premiati con la medaglia d’oro al Great Taste Awards 2010 come pasta artigianale di eccellenza; l'anno successivo siamo stati insigniti del Trofeo “Grand Hotel Rimini”, cucina Wellness alla manifestazione “Sapore 2011” di Rimini e ancora, durante la manifestazione internazionale Anuga 2011 che si tiene in Germania, abbiamo ricevuto il premio Italian Anuga Awards come “miglior packaging internazionale per prodotto Pasta” con i nostri “I Lunghissimi, Le Gemme del Vesuvio”. Ancora una volta in Germania, a novembre 2014, il quotidiano tedesco Frankfurten Algemeine con il critico enogastronomico Thomas Platt, ha incoronato i nostri spaghetti, testati assieme a quelli prodotti da 30 tra i migliori pastifici italiani, quale "Migliore spaghetti artigianali italiani". Abbiamo altresì avuto l’onore di essere scelti dal programma Linea Verde in onda su Rai Uno per mostrare la produzione dei nostri Maccheroni di Napoli. Oltre la pasta artigianale, l’azienda popone diverse linee di prodotti tipici del Parco Nazionale del Vesuvio (carciofini alla brace, melanzane, pomodori e peperoni ripieni, broccoli napoletani, ecc.), la linea di pomodori (pomodorini, pelati, filetti di pomodoro, Piennolo DOP, ecc.) e le specialità di mare di Cetara (alici, pesce ghiaccio, pesto).
Sapere che sempre più persone scelgono i nostri prodotti per qualità e genuinità, ci rende pieni di orgoglio e ci stimola a migliorare costantemente.

La nostra è una passione, non un business, e per tale motivo cerchiamo di perseguire un solo obiettivo: la qualità. Una delle frasi che amiamo ripetere è: “solo il tempo ti concede di ottenere ciò che desideri”, noi al tempo cerchiamo di abbinare il nostro lavoro”.
Un prodotto artigianale che si distingue per qualità e gusto, quello del Pastificio Grania “Le Gemme del Vesuvio, nel rispetto dei dogmi della grande tradizione pastaia napoletana.
Il Pastificio Grania si trova in via Padula 48/50 a Castello di Cisterna, in provincia di Napoli. Per contattare i responsabili, ci si può rivolgere a questo recapito telefonico 0818841999 o si può inviare una mail a info@legemmedelvesuvio.com.
A questo link è possibile scaricare il catalogo in formato .pdf dei prodotti del Pastificio Grania s.r.l.



TI POTREBBERO INTERESSARE

“Sto sempre andando a casa. Sto sempre andando alla casa di mio Padre.” Con questa frase il poeta tedesco Novalis rispose alla domanda che gli posero in un’intervista: “Qual è il senso della sua arte?” In questa stessa frase, credo, si racchiude il senso dell’ultimo libro di Susanna Tamaro La Tigre e l’Acrobata, edito da La nave di Teseo.
Valerio Marra con il suo nuovo lavoro cambia completamente genere, ricamando un romanzo giallo di altissima qualità. Tutto ha inizio con il ritrovamento del cadavere di una giovane donna nei pressi del lago Albano, nella tranquilla cittadina di Castel Gandolfo. Il caso verrà assegnato al giovane sostituto commissario Festa che assieme allo spumeggiante ed eccentrico Agente Russo, daranno vita a un'emozionate indagine, ricca di colpi di scena, lasciando il lettore senza fiato.
Oggi vi parlerò di “Mario non sbaglia”, un thriller di un anagnino acquisito, Luca di Gialleonardo. La quarta di copertina ci dice: “Licia Ferrante è una valida investigatrice, ma i clienti scarseggiano e lei ha bisogno di soldi.
Il panorama degli esordienti letterari italiani è un mondo misto e variegato dove, all'interno di oceani di mediocrità, si riesce ogni tanto a scovare qualche verde isola interessante e dalle prospettive promettenti. Il libro "Le Ombre di Nahr", scritto da Luca Sciacchitano e pubblicato dalla case editrice romana Watson Edizioni, rientra nel novero di queste particolarità. La trama ci racconta di un ex paracadutista della folgore e mercenario, Salvatore Pumo, che viene contattato nel cuore della notte da Laura Zaferani, dirigente dell'unità di crisi della Farnesina.
Noto con il nome di Citrus lemon, appartenente alla famiglia delle Rutaceae, il limone è un agrume molto apprezzato per le sue numerose proprietà benefiche e proprio per questo motivo, fin dall’antichità, veniva considerato una sorta di “panacea per tutti i mali”. Il frutto del limone è giallo all’esterno e bianco internamente, la sua polpa spugnosa è suddivisa in spicchi e si presenta aspra e succosa, mentre la buccia risulta ruvida e particolarmente utile per ricavare essenze, quali la pectina. I semi contenuti nel frutto vengono macinati e utilizzati per ricavare un olio essenziale, particolarmente aromatico, utile in cucina e per la produzione di detersivi.