Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Apicoltura Luca Finocchio a Tornareccio (Ch): Regina di Qualità

Giusto gusto è una rubrica a cura di Ivan Quiselli

Anni di esperienza nel settore dell’apicoltura, segreti tramandati di generazione in generazione, professionalità che – col tempo – è diventata sinonimo di eccellenza: il nostro viaggio alla scoperta dei sapori e del gusto prende il via, stavolta, dalle pendici del monte Pallano, nell’incantevole borgo di Tornareccio, in provincia di Chieti. E’ qui che, negli anni ‘70, Aquilino Finocchio decise di riprendere l’idea imprenditoriale del nonno. Con appena  35 alveari si mise al lavoro insieme a sua moglie Elisa Carbonetti. L’amore per il mondo affascinante dell’apicoltura è stato così forte da far sì che anche suo figlio Luca Finocchio continuasse la vocazione di famiglia e delle api “facesse la sua vita” . Nel 1987 Luca Finocchio ebbe l’idea della meccanizzazione in seguito alla visita di alcune aziende apistiche francesi tramite l’AAPI (Associazioni Apicoltori Professionisti Italiani). Nel 1995 rinnovò radicalmente l’azienda realizzando la catena semiautomatica per la smielatura e trasformando le arnie da fondo chiuso a fondo in rete.
Oggi, l’Apicoltura Luca Finocchio è un’azienda all’avanguardia per quanto riguarda i macchinari adibiti ai processi di lavorazione del miele.
Con circa 1000 alveari, e 50 milioni di api,  prosegue con la stessa professionalità e passione mirando a produrre un miele di massima qualità ed offrendo, grazie alla pratica del nomadismo, ben 14 gusti di miele diversi , sette mieli aromatizzati naturali ed una linea studiata per i più piccoli orsettoIO: packaging accattivante e soprattutto ecosostenibile.
Inoltre il grande canestro dei prodotti non si limita al miele ma comprende  cosmetica, propoli, caramelle,  polline, grappe, torroni, panettoni, dolci,  infusi, cioccolatini ed integratori, tutti prodotti sfiziosi.
L’azienda applica un controllo qualità completo su tutta la filiera e questa viene certificata dai concorsi nazionali e regionali in cui l’azienda riceve premi da ormai 20 anni. Quest’anno si conferma di nuovo tra i migliori mieli d’Italia trionfando i tre diversi concorsi nazionali: Montalcino, Castel San Pietro Terme e Lazise sul Garda, rispettivamente: con 1° posto con il Miele di Melata di Bosco, 1° posto con il Miele di Arancio, 1° posto con il Miele di Ciliegio, Tre gocce d’oro per il Miele di Ciliegio, L’Ape d’Oro con il Miele di Melata di Bosco. L’azienda è una fattoria didattica accreditata, accoglie gruppi di bambini e di adulti per accompagnarli in un viaggio alla scoperta dell’intrigante mondo delle api e del miele. Il miele dell’Apicoltura Luca Finocchio viene continuamente richiesto oltre i confini nazionali, soprattutto negli Stati Uniti dove l’azienda riscontra sempre più successo.
L’apicoltura Luca Finocchio si trova in viale Santo Stefano n. 16/A a Tornareccio, in provincia di Chieti. Il numero di telefono è 0872868692. Per saperne di più, vi invitiamo a visitare il sito Internet dell’azienda a questo link.


Apicoltura Luca Finocchio: Regina di Qualità



Apicoltura Luca Finocchio: Regina di Qualità

TI POTREBBERO INTERESSARE

“Sto sempre andando a casa. Sto sempre andando alla casa di mio Padre.” Con questa frase il poeta tedesco Novalis rispose alla domanda che gli posero in un’intervista: “Qual è il senso della sua arte?” In questa stessa frase, credo, si racchiude il senso dell’ultimo libro di Susanna Tamaro La Tigre e l’Acrobata, edito da La nave di Teseo.
Valerio Marra con il suo nuovo lavoro cambia completamente genere, ricamando un romanzo giallo di altissima qualità. Tutto ha inizio con il ritrovamento del cadavere di una giovane donna nei pressi del lago Albano, nella tranquilla cittadina di Castel Gandolfo. Il caso verrà assegnato al giovane sostituto commissario Festa che assieme allo spumeggiante ed eccentrico Agente Russo, daranno vita a un'emozionate indagine, ricca di colpi di scena, lasciando il lettore senza fiato.
Oggi vi parlerò di “Mario non sbaglia”, un thriller di un anagnino acquisito, Luca di Gialleonardo. La quarta di copertina ci dice: “Licia Ferrante è una valida investigatrice, ma i clienti scarseggiano e lei ha bisogno di soldi.
Il panorama degli esordienti letterari italiani è un mondo misto e variegato dove, all'interno di oceani di mediocrità, si riesce ogni tanto a scovare qualche verde isola interessante e dalle prospettive promettenti. Il libro "Le Ombre di Nahr", scritto da Luca Sciacchitano e pubblicato dalla case editrice romana Watson Edizioni, rientra nel novero di queste particolarità. La trama ci racconta di un ex paracadutista della folgore e mercenario, Salvatore Pumo, che viene contattato nel cuore della notte da Laura Zaferani, dirigente dell'unità di crisi della Farnesina.
Noto con il nome di Citrus lemon, appartenente alla famiglia delle Rutaceae, il limone è un agrume molto apprezzato per le sue numerose proprietà benefiche e proprio per questo motivo, fin dall’antichità, veniva considerato una sorta di “panacea per tutti i mali”. Il frutto del limone è giallo all’esterno e bianco internamente, la sua polpa spugnosa è suddivisa in spicchi e si presenta aspra e succosa, mentre la buccia risulta ruvida e particolarmente utile per ricavare essenze, quali la pectina. I semi contenuti nel frutto vengono macinati e utilizzati per ricavare un olio essenziale, particolarmente aromatico, utile in cucina e per la produzione di detersivi.