Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Le associazioni e i comitati del coordinamento "Salviamo l'ospedale" chiedono urgentemente un incontro con il nuovo direttore generale della ASL di Frosinone per la "grave emergenza sanitaria di Anagni e dei Comuni limitrofi"

22 agosto 2019

Di seguito riportiamo, integralmente e senza modifiche, la nota inviata a questa redazione dal comitato “Salviamo l'ospedale di Anagni”:

 

In data odierna abbiamo chiesto alla segreteria del Direttore Generale della Asl di Frosinone di incontrare, non appena insediato nel suo incarico, il nuovo Direttore Generale. E' doveroso da parte del  nuovo Direttore dedicarci una frazione del suo tempo almeno per illustrarci con quale organizzazione sanitaria avranno a che fare i cittadini della zona nord della provincia di Frosinone nei prossimi anni.

 

Certamente la realtà in cui si troverà ad operare con grandi difficoltà riguarda i cittadini della zona Nord della provincia, per le condizioni di estremo degrado in cui è stata gettata da anni di discutibile gestione e di scelte organizzative sbagliate.

Questa zona era stata individuata dal piano regionale Marrazzo del 2009 per la creazione di un mega ospedale nell’ambito di una ristrutturazione sanitaria regionale che prevedeva anche gli ospedali dei Castelli (inaugurato da poco), del Golfo e di Monterotondo. Non solo il mega ospedale di Anagni non è stato realizzato ma, per logiche politiche e campanilistiche, è stato chiuso anche quello esistente (novembre 2012). Così nella provincia di Frosinone gli ospedali da 11 si sono ridotti a 4.

 

Dopo la chiusura dell’Ospedale di Anagni, nonostante un’ ordinanza contraria del Consiglio di Stato, abbiamo assistito a tutta una serie di promesse puntualmente disattese dai responsabili di turno. Venne persino concessa una citazione nell’atto aziendale redatto dall’allora dirigente aziendale Teresa Mastrobuono dove si parlava di alcuni possibili servizi da attivare: un poliambulatorio specialistico, una postazione per gli screening oncologici, un centro dialisi, un laboratorio analisi per le emergenze, una radiologia dotata di sistemi di teleconsulto e telediagnosi, l’attivazione del day service, della day surgery e della chirurgia ambulatoriale, un punto di primo intervento (PPI) h24 con posti letto di Obi (Osservazione Breve Intensiva) e un centro per la sorveglianza sanitaria ed epidemiologica sulle problematiche della Valle del Sacco.

 

Contrariamente a tutte le migliori intenzioni dichiarate in campagna elettorale e altrove, ad oggi nulla è stato fatto, nonostante la zona nord della Provincia di Frosinone, area SIN tra le zone più inquinate d’Italia, ancora con numerose aziende sottoposte alla direttiva Seveso, con dati epidemiologici che certificano un aumento preoccupante di malattie riconducibili all’ inquinamento ambientale, sia totalmente priva di servizi sanitari finalizzati soprattutto all’emergenza. Questa area inoltre è attraversata dall’autostrada, dal TAV e da treni della linea Roma - Napoli, via Cassino. Ultima incomprensibile decisione, nel 2018 è stato chiuso, anche il PPI di Anagni, non inserito tra quelli da chiudere nel DCA 257/2017.

 

 

L’UNICO TENTATIVO SERIO E REALISTICO PER POTER USCIRE DA QUESTA SITUAZIONE DI COMPLETA SOSPENSIONE DEL DIRITTO ALLA SALUTE, E’ STATO REALIZZATO DAI SINDACI E DAI CONSIGLI COMUNALI DELLA ZONA NORD : Nel luglio 2016 i consigli comunali dei nove comuni dell’area nord della provincia di Frosinone approvano una delibera che richiede SEI servizi indispensabili per riportare l’Ospedale ad un minimo funzionamento utile per la popolazione di un territorio di circa 80.000 persone per le quali Anagni è il principale punto di riferimento.

Nella delibera si richiedono:

1) un reparto di 20 posti letto di medicina generale con un proprio organico di medici e infermieri

2) un Pronto Soccorso presidiato da un organico medico dedicato all'Emergenza-Urgenza;

3) una chirurgia elettiva che effettua interventi in Day surgery,

4) una Unità Operativa di Anestesia e Sala Operatoria;

5) servizio di Radiologia per indagini radiologiche con trasmissione di immagine collegata in rete allo specialista di turno;

6) servizio di Laboratorio per indagini laboratoristiche in Pronto Soccorso.

 

DA QUESTA BASE OCCORRE RIPARTIRE!

sollecitiamo inoltre l’ istituzione, al più presto nella nostra Provincia, del registro dei tumori il cui Regolamento è stato approvato dalla Giunta Regionale ( 21 novembre 2017) dopo il parere favorevole del Garante (30 marzo 2017).

 

Nell’ incontro che speriamo possa esserci a breve, ascolteremo con grande attenzione e fiducia quanto ci verrà illustrato in merito all’organizzazione sanitaria che si intenderà mettere a punto per la Cura e l’ assistenza dei cittadini di Anagni e del territorio Nord della Provincia.

 

 

Il Comitato “ Salviamo l’ Ospedale di Anagni ”

LE ASSOCIAZIONI: ANAGNI SCUOLA FUTURA , ANAGNI VIVA, CIRCOLO LEGAMBIENTE ANAGNI, COMITATO OSTERIA DELLA FONTANA, COMITATO RESIDENTI COLLEFERRO, COMITATO SAN BARTOLOMEO, COORDINAMENTO INTERPROVINCIALE AMBIENTE E SALUTE VALLE DEL SACCO E BASSA VALLE DEL LIRI, AL QUALE HANNO ADERITO AL QUALE HANNO ADERITO 34 TRA COMITATI E ASSOCIAZIONI, DIRITTO ALLA SALUTE, RETE PER LA TUTELA DELLA VALLE DEL SACCO

 



TI POTREBBERO INTERESSARE

Una assemblea pubblica sulla grave emergenza della sanità provinciale e territoriale. Si terrà Il prossimo venerdì, 14 novembre, alle ore 16.30, presso la Sala polivalente del comune di Piglio. Interverranno: i rappresentanti del Coordinamento Provinciale Sanità; gli esponenti del comitato “Salviamo l’Ospedale di Anagni”.
Insieme per la salute dei cittadini di Anagni. E’ il senso della nota con la quale il comitato Salviamo l’ospedale di Anagni ha dichiarato di aderire all’iniziativa di BancAnagni per l’acquisto di un moderno apparecchio per le mammografie.
Una delegazione del comitato "Riprendiamoci la Sanità" di Ferentino, costituita dal presidente Annarosa Celardi, dal consigliere comunale Maurizio Berretta, da Amedeo Mariani e Daniele Bondatti, ha incontrato - venerdì 4 marzo - il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e l'assessore regionale Mauro Buschini. Il comitato ha rappresentato al Presidente la situazione della Sanità locale, in particolare della Casa della Salute, focalizzando l'attenzione sui futuri servizi sanitari; il presidente Zingaretti ha rassicurato i quattro rappresentanti sullo stato di avanzamento, inoltre si è reso disponibile ad un incontro con la delegazione ferentinate, presso gli uffici della presidenza della Regione Lazio. L'assessore Mauro Buschini si renderà promotore di un incontro tra lo stesso comitato di Ferentino ed i vertici Asl locali nella persona del Commissario Macchitella. Oltre all’avvenuta consegna a mano della documentazione sulla sanità di Ferentino, della lettera d’intenti sottoscritta da diverse associazioni, comitati locali e consiglieri comunali, della delibera di consiglio comunale n.60/2015 sulla Casa della Salute, Annarosa Celardi, a nome di tutto il Comitato “Riprendiamoci la Sanita’”, ha donato al Presidente Zingaretti, un quadro dell’artista ferentinate Vincenzino Ludovici.
Una riunione per fare il punto della situazione ed organizzare le iniziative a difesa della sanità ciociara al rientro dalle vacanze. A partire, ma non solo, dalla situazione dell’ospedale di Anagni. È quella che si è tenuta ieri sera a Frosinone tra gli esponenti del Coordinamento provinciale della sanità.
Il Comitato Salviamo l'Ospedale di Anagni prosegue nella sua battaglia a difesa del nosocomio locale.