Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Il Nucleo di Valutazione della Regione Lazio dà l'ok all’assegnazione dei fondi destinati alla copertura finanziaria di interventi per la manutenzione straordinaria di opere edili ed impianti per l'ospedale di Colleferro

30 luglio 2019


La Asl Roma 5 ha ricevuto l’ok del Nucleo di Valutazione della Regione Lazio all’assegnazione dei fondi richiesti “destinati alla copertura finanziaria di interventi per la manutenzione straordinaria di opere edili ed impianti, finalizzati al mantenimento dei livelli di efficienza ed efficacia nell'erogazione delle prestazioni sanitarie". Altri progetti sono al vaglio del Nucleo.

Per quanto riguarda il presidio ospedaliero "Parodi Delfino" di Colleferro sono state autorizzate le seguenti attività: 
- Manutenzione Straordinaria del Pronto Soccorso

- Ristrutturazione Laboratori Chemioterapici; 

- Ristrutturazione reparto di Urologia; 

- Ristrutturazione reparto di Oculistica.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Ospedale di Colleferro: 300 mila euro per l’ammodernamento del Pronto Soccorso, circa due milioni di euro di apparecchiature sanitarie e otto operatori socio sanitari
Sanità, mancano medici nei Pronto soccorso, 2000 in meno. Il consigliere provinciale Gianluca Quadrini si appella al presidente Nicola Zingaretti e al Ministro della Salute: ”servono rinforzi”
Anagni. Sanità. E’ polemica sull’arrivo di un’ambulanza privata a supporto del servizio di presidio ambulatoriale territoriale: riapertura del Pronto Soccorso più lontana?
Salviamo l’ Ospedale di Anagni” composto da Associazione Diritto alla Salute, Anagni Viva, Comitato Osteria della Fontana, Anagni Scuola Futura, LegAmbiente Circolo di Anagni, Comitato Residenti Colleferro, Re.Tu.Va.Sa., Comitato San Bartolomeo, Comitato Ponte del Papa, ospedale
“A chi oggi ci accusa di aver tradito le promesse fatte in campagna elettorale, e si sgola per avere un pronto soccorso, rispondo che per avere un pronto soccorso ci vorrebbe un ospedale aperto. Che non c’è, perché a suo tempo è stato chiuso”. Non si è fatta attendere la replica di Fabio Roiati, assessore alla sanità del comune di Anagni, alle accuse piovute addosso alla giunta Bassetta dopo le polemiche per il trasferimento di un giovane anagnino a Frosinone ( con tanto di ore di attesa prima di un intervento), domenica scorsa, in seguito ad un incidente sul campo di calcio. Le polemiche hanno voluto soprattutto evidenziare che, forse, con un pronto soccorso funzionante, un trasferimento così lungo si sarebbe potuto evitare. Per non parlare dell’accusa, giunta da altri, secondo la quale la maggioranza di centro sinistra avrebbe “ venduto fumo” sulla sanità in campagna elettorale, salvo poi rimangiarsi tutto al governo.