Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Sanità. L'assessore regionale Alessio D'Amato: "rafforzata la trasparenza per incarichi primari; Regione Lazio prima regione in Italia in collaborazione con la GdF"

24 maggio 2019

La Regione Lazio con un Decreto del Commissario ad acta Nicola Zingaretti ha autorizzato le Aziende e gli Enti del Sistema sanitario regionale ad indire, pubblicare ed espletare l’avviso pubblico per il conferimento di 106 incarichi di Direttore di struttura complessa (UOC). Per la prima volta in Italia la Regione Lazio ha avviato le procedure in collaborazione con il Comando Regionale della Guardia di Finanza.
 
“Stiamo parlando dei concorsi per primari più numerosi degli ultimi 15 anni e per la prima volta utilizzeremo il Protocollo di collaborazione con la Guardia di Finanza sottoscritto nei mesi scorsi. L’intero iter amministrativo - spiega l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato – mira al rafforzamento della trasparenza ed alle verifiche delle incompatibilità. Si tratta di una iniziativa davvero importante a tutela e garanzia del buon esito dell’intero procedimento e della imparzialità delle procedure concorsuali”.
 
Nello specifico la Guardia di Finanza, rispondendo positivamente ad una richiesta del Presidente Zingaretti, offrirà il proprio contributo ‘nel superiore e comune interesse della legalità nella Pubblica amministrazione’ per il controllo e la trasparenza nelle diverse fasi del procedimento a partire dal sorteggio dei membri delle Commissioni.   
Le autorizzazioni saranno incluse nelle facoltà assunzionali 2019. La Regione Lazio e la struttura commissariale potranno inoltre disporre le necessarie attività di vigilanza, controllo e verifica previste dall’ordinamento nelle diverse fasi del procedimento. 
Entrando nello specifico saranno ad esempio: 17 le nuove Unità operative complesse che fanno riferimento alla chirurgia, 12 quelle per la salute mentale, 8 quelle per la medicina d’urgenza, 6 quelle per ortopedia e traumatologia, 5 per Direzione sanitaria, 4 per ginecologia, 3 per neurologia, 3 per urologia, 3 per anestesia, 3 per pediatria,2 per farmacia, 2 per diagnostica per immagini. 
 
A Frosinone sono 8 gli incarichi per primario autorizzati e nello specifico: direzione sanitaria, oncologia, chirurgia generale, medicina d’urgenza, medicina P.O., gastroenterologia, sanità animale e salute mentale.  


TI POTREBBERO INTERESSARE

Sabato prossimo 21 maggio a partire dalle ore 10.30 si terrà la cerimonia di inaugurazione della nuova sede della Brigata della Guardia di Finanza di Anagni, in via Gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa. Ecco, di seguito, il programma della giornata, così come è stato comunicato a questa redazione dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone:
3.157 è il numero dei prodotti potenzialmente pericolosi per la salute sequestrati dalla Guardia di Finanza di Frosinone nel corso di un’operazione di servizio che si inserisce nel più ampio contesto di interventi a tutela della legalità e della sicurezza dei consumatori.
Nei giorni scorsi durante un evento presso il Comando Generale della Guardia di Finanza sito in viale 21 aprile a Roma, il Sindaco di Trevi Nel Lazio Silvio Grazioli, ha incontrato il Comandante Generale della Guardia di Finanza Gen. Giorgio Toschi e successivamente ha incontrato il Colonnello Leonardo Laserra Ingrosso, che dal 16 aprile del 2002 è il Direttore della Banda Musicale della Guardia di Finanza.
Una società di Frosinone, dedita alla produzione di carpenteria metallica, ha richiesto un finanziamento pubblico all’Unione Europea, nell’ambito dei programmi per la realizzazione di prodotti e processi produttivi rispettosi dell’ambiente, ma non ha effettuato i previsti investimenti, pur avendo percepito un cospicuo acconto.
Con l’avvento delle festività natalizie, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone ha intensificato i controlli a tutela del mercato dei beni e servizi con particolare riferimento all’immissione in vendita di prodotti non sicuri e/o privi della corretta indicazione sull’origine delle merci. Il costante monitoraggio eseguito dai militari della Guardia di Finanza di Fiuggi e volto alla tutela della legalità e sicurezza dei consumatori,