Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Sanità. Pubblicate le date per il concorso per 258 posti per infermieri; la prova scritta si terrà nei giorni 3-4-5 giugno (a partire dalle ore 8.30) presso la Fiera di Roma

30 aprile 2019

Sono state pubblicate le date delle prove scritte e pratiche del concorso pubblico per la copertura di 258 posti da infermiere a tempo indeterminato che vede l’A.O. Sant’Andrea come capofila ed una riserva di 49 posti per la stabilizzazione dei soggetti con i requisiti della L.208.
“Si apre una nuova stagione concorsuale per la nostra Regione. E’ un decennio che non veniva bandito un concorso pubblico di queste dimensioni. Torniamo ad investire sulle risorse umane per migliorare e implementare il servizio nella sanità regionale che deve essere sempre più vicino ai bisogni delle persone. La graduatoria del concorso con i suoi idonei verrà inoltre utilizzata per colmare i fabbisogni delle altre Asl e Aziende ospedaliere”. Lo dichiara l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato.
Nello specifico la prova scritta si terrà nei giorni 3-4-5 giugno (a partire dalle ore 8.30) presso la Fiera di Roma. Quindici giorni prima delle date verrà resa pubblica la suddivisione dei candidati ammessi alle tre giornate di prove scritte sul portale dell’A.O. Sant’Andrea. I candidati che abbiano raggiunto la sufficienza saranno quindi ammessi alla prova pratica che si terrà il giorno 18 luglio (a partire dalle ore 8.30) sempre alla Fiera di Roma. 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Sanità, mancano medici nei Pronto soccorso, 2000 in meno. Il consigliere provinciale Gianluca Quadrini si appella al presidente Nicola Zingaretti e al Ministro della Salute: ”servono rinforzi”
In occasione della “Giornata per la vita” istituita a livello nazionale dalla Chiesa Cattolica, si è svolta a Piglio Domenica 4 Febbraio 2018 dalle ore 8 alle ore 12,30 la 49^ giornata della donazione del sangue a favore dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù. Era presente alla raccolta l’equipe dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma con 4 medici e 5 infermieri i quali,
Sulle polemiche scatenate dalla decisione del presidente Zingaretti di investire 1,6 milioni di euro per la creazione di un presidio ambientale nella sede dell'ex ospedale anagnino, riceviamo e pubblichiamo la nota dell'associazione Co.E.Sa. CO.E.SA. “Il Presidio Ambientale non serve a nulla. Serve un Ospedale con medici e infermieri. Bassetta e il suo amico in Regione proprio non lo capiscono” “Non fanno e quando fanno, fanno male. Così si può riassumere quello che sta accadendo presso l’ex ospedale di Anagni. Non riescono proprio a capire che il comprensorio necessita di un ospedale con un Pronto Soccorso e non di un Presidio Ambientale. Siamo all’assurdità anche perché i soldi spesi per questo inutile centro, che poteva benissimo essere aperto a Frosinone, potevano essere impiegati per rendere di nuovo la struttura di via Onorato Capo un ospedale con tanto di medici e infermieri. Tre anni fa Bassetta e Buschini promettevano ben altro, poi venne il turno del piano Roiati, poi dell’apertura delle sale operatorie, ora ci dicono addirittura che le sale operatorie in realtà verranno utilizzare solo in alcuni giorni della settimana. Adesso è arrivato il momento dell’ennesima bufala targata Zingaretti, Buschini e Bassetta che insieme alla sua amministrazione in tre anni per la sanità hanno fatto zero. Nei comunicati ripresi poi ad arte da certi pennivendoli, si esalta questo presidio che ancora non si è capito a cosa serve, dimenticando che l’emergenza è quella di avere struttu
Alla riunione del Coordinamento della Salute dei Sindaci dell'Area Nord che si è tenuto questa mattina ad Anagni hanno preso parte anche il presidente del Consiglio e delegato alla Sanità Nicola Della Morte e Simone Paris in rappresentanza del Comune di Fiuggi. I due hanno voluto portare all'attenzione di questo consesso il depotenziamento del servizio di autoambulanza 118 che genererà ulteriori problemi nell'Area Nord della provincia di Frosinone, che si andrebbero ad aggiungere al già noto accorpamento delle centrali operative ARES 118 di Frosinone e Latina con lo spostamento della sede operativa nel capoluogo pontino.
E’ stata inaugurata questa mattina dall’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato e dal Commissario straordinario della Asl Roma 5, Giuseppe Quintavalle la nuova Scuola per Infermieri dell’Università La Sapienza di Roma nei locali al piano terra dell’ospedale “Leopoldo Parodi Delfino” di Colleferro. Il progetto ha visto la ristrutturazione del piano terra ed in particolare dei locali ex farmacia ed ex morgue. La scuola infermieri con la nuova distribuzione architettonica copre una superficie di 480 mq ed è costituita da due aule per la didattica,