Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Ad Anagni si torna a parlare di Sanità nell'infuocata seduta di assise civica appositamente convocata al palazzo comunale; le opposizioni: "non ci fidiamo di Buschini", ma il sindaco: "proviamo a dargli credito"

3 aprile 2019

Nominare, a breve, una commissione tecnica ed una consulta dei sindaci cui affidare il compito di occuparsi di far tornare, per quanto possibile, l'offerta sanitaria a livelli accettabili; non prima - però - di un incontro tra il primo cittadino di Anagni Daniele Natalia e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti per discutere sul tema. E' quanto è emerso questa mattina nel corso della seduta di assise civica convocata dal presidente Giuseppe De Luca e richiesta dalle opposizioni consigliari; "l'incontro tra il presidente Zingaretti e il sindaco Natalia dovrebbe tenersi già a metà della prossima settimana", fanno sapere dal palazzo comunale. La seduta di consiglio comunale che si è tenuta questa mattina fa seguito all'altro appuntamento importante che si è tenuto nei giorni scorsi e che è stato organizzato dal comitato civico "Adesso basta" durante il quale il consigliere regionale Mauro Buschini aveva avanzato la possibilità di creare in tempi rapidi un centro assistenziale che preveda la presenza di anestesisti e cardiologi, in modo da poter almeno stabilizzare le emergenze, prima di trasportarle in centri più strutturati. Un centro a cui potrebbe essere anche collegata una postazione con eliambulanza presente 24 ore al giorno. Una proposta - quella di Buschini - che aveva di fatto sollevato molte polemiche, soprattutto da parte di chi aveva chiesto invece di usare le risorse per un ospedale piccolo, ma dotato di un vero pronto soccorso. Polemiche rinverdite questa mattina, seguite da un vivace dibattito: a esternare i propri dubbi, tra gli altri, Fernando Fioramonti, rappresentante in consiglio del M5S, il quale ha apertamente dichiarato di non fidarsi di Buschini. E, come lui, anche gli altri rappresentanti dell'opposizione, tutti tendenzialmente sulla stessa linea. Dal canto suo, rispondendo alla minoranza, il primo cittadino ha tenuto a ribadire di voler dare credito a quanto affermato da Buschini, chiarendo - però - che "si è ancora all'inizio di un percorso". 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Questione Sanità, il sindaco di Anagni Daniele Natalia presenta due delibere ai sindaci del comprensorio: "un tassello in più nella battaglia politica e popolare in difesa del diritto alla salute"
Sulla nomina del dottor Natalia a Coordinatore della sanità anagnina, registriamo la dichiarazione di Francesdco Sordo, segretario cittadino del Pd: “ esprimo il mio compiacimento per la nomina di Natalia da parte del dottor Macchitella. Da tempo stavamo aspettando un coordinatore, per ridare ad Anagni un interlocutore sulle esigenze della zona, e per fare in modo che, dopo quanto stabilito dall’atto aziendale, si blocchi la spoliazione sotto banco che si sta verificando da tempo all’ospedale di Anagni.
Nuovo consiglio comunale aperto per parlare di sanità e di difesa dell’ospedale. Si terrà ad Anagni il prossimo 25 luglio.
Una amministrazione che sta perdendo slancio. Questo il giudizio di Daniele Natalia, consigliere comunale della opposizione ad Anagni sui primi due anni del governo Bassetta. Nell’intervista rilasciata ai microfoni di anagnia.com il consigliere comunale, a suo tempo vicesindaco della amministrazione Noto, ha ripercorso i primi due anni della amministrazione subentrata al centro destra dopo 13 anni. Natalia ha analizzato i passi dell’amministrazione a partire dalle ultime vicende politiche con l’allargamento di Progetto Anagni nello schieramento progressista. Ha poi illustrato i casi della ex polveriera e dell’ospedale, parlando anche di ambente e lavoro, fino alle ultime polemiche su viabilità e centro storico. Conclusione con una diagnosi sullo stato di salute delle centro-destra ad Anagni. Che secondo l’avvocato è in buona salute anche si deve riorganizzarsi in vista delle prossime consultazioni elettorali.
Un consiglio comunale aperto per parlare di sanità. Lo hanno chiesto stamattina ( con richiesta protocollata in comune) i consiglieri d’opposizione Alessio Fenicchia, Roberto Cicconi, Giuseppe De Luca, Roberto Versi e Daniele Natalia. Che hanno agito d’accordo anche con una serie di movimenti politici locali, quali Casapound, 5 Stelle, Italia dei valori, e Alternativa per Anagni. Questo il punto che dovrebbe essere messo in discussione:“ situazione del nosocomio di Anagni alla luce dell’atto aziendale approvato”. È stata richiesta la partecipazione del Presidente della Regione Zingaretti , di quello della Provincia Pompeo, della Mastrobuono e di tuti i sindaci dei comuni interessati