Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Sanità. Ospedale di Anagni, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti risponde ad anagnia.com: "anche Anagni ha beneficiato e beneficerà ancora sia di investimenti pubblici che di assunzioni: bisogna avere fiducia"

5 marzo 2019

"Nel 2013 tutto il Lazio si sono assunte 63 persone nella Sanità perché avevamo trovato i conti devastati per una gestione indecente della Sanità pubblica e dei conti dello Stato: da solo il Lazio aveva il 50% del disavanzo di tutta Sanità italiana. Siamo passati dal 63 assunti all'anno a 3500 nel biennio e a 5000 nuove assunzioni nel prossimo cinquennio perché abbiamo risanato la Sanità e anche Anagni ha già beneficiato e beneficierà sia di investimenti pubblici che di assunzioni. Bisogna avere fiducia che queste assunzioni andranno verso l'aumento dei servizi. I pronto soccorsi sono legati agli ospedali, perché se dietro a un pronto soccorso non c'è un buon ospedale si entra e si rischia di morire. La cosa bella della Sanità del Lazio è che aumentano le vite salvate delle persone ed è quello che deve avere come cuore un sistema sanitario moderno". E' quanto dichiarato dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti nel corso della conferenza stampa che si è tenuta questa mattina negli uffici della Saxa Gres, stabilimento che ha sede nel cuore della zona industriale di Anagni.


Sanità. Ospedale di Anagni, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti risponde ad anagnia.com



Sanità. Ospedale di Anagni, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti risponde ad anagnia.com: "anche Anagni ha beneficiato e beneficerà ancora sia di investimenti pubblici che di assunzioni: bisogna avere fiducia"

TI POTREBBERO INTERESSARE

Una delegazione del comitato "Riprendiamoci la Sanità" di Ferentino, costituita dal presidente Annarosa Celardi, dal consigliere comunale Maurizio Berretta, da Amedeo Mariani e Daniele Bondatti, ha incontrato - venerdì 4 marzo - il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e l'assessore regionale Mauro Buschini. Il comitato ha rappresentato al Presidente la situazione della Sanità locale, in particolare della Casa della Salute, focalizzando l'attenzione sui futuri servizi sanitari; il presidente Zingaretti ha rassicurato i quattro rappresentanti sullo stato di avanzamento, inoltre si è reso disponibile ad un incontro con la delegazione ferentinate, presso gli uffici della presidenza della Regione Lazio. L'assessore Mauro Buschini si renderà promotore di un incontro tra lo stesso comitato di Ferentino ed i vertici Asl locali nella persona del Commissario Macchitella. Oltre all’avvenuta consegna a mano della documentazione sulla sanità di Ferentino, della lettera d’intenti sottoscritta da diverse associazioni, comitati locali e consiglieri comunali, della delibera di consiglio comunale n.60/2015 sulla Casa della Salute, Annarosa Celardi, a nome di tutto il Comitato “Riprendiamoci la Sanita’”, ha donato al Presidente Zingaretti, un quadro dell’artista ferentinate Vincenzino Ludovici.
Sulla situazione dell’ospedale di Colleferro il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti scrive al primo cittadino.
Nuovo consiglio comunale aperto per parlare di sanità e di difesa dell’ospedale. Si terrà ad Anagni il prossimo 25 luglio.
Questa mattina giovedì 27 novembre il Sindaco di Paliano, Domenico Alfieri, ha partecipato alla manifestazione scaturita dalla riunione del 18 novembre scorso tra i Sindaci della Valle del Sacco per dire NO al trasferimento a Palestrina dei reparti di ostetricia e ginecologia, pediatria e neonatologia dell'ospedale Parodi Delfino di Colleferro. Con Alfieri c’era anche il Consigliere Comunale delegato alla sanità pubblica e alla tutela salute del cittadino nonché operatore sanitario dell’ospedale di Colleferro, Maria Grazia D’Aquino.
Sanità, mancano medici nei Pronto soccorso, 2000 in meno. Il consigliere provinciale Gianluca Quadrini si appella al presidente Nicola Zingaretti e al Ministro della Salute: ”servono rinforzi”