Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Episodio riguardante un cittadino di Anagni con dolore al petto, la nota della ASL di Frosinone: "assistito tempestivamente ed inviato ieri all'ospedale "F. Spaziani" di Frosinone

26 ottobre 2018

Dall'ufficio stampa dell'ASL di Frosinone riceviamo la nota che segue e che pubblichiamo integralmente e senza modifiche:


Come è noto il Presidio di Anagni, dal momento dell’adozione del Decreto Regionale n. 80/2010 dell’allora Giunta Polverini, non è più un Ospedale.
Per la stessa ragione non dispone di un Pronto Soccorso non potendo mettere a disposizione ciò che occorre per effettuare l’emergenza/urgenza. Quindi al Presidio di Anagni possono essere trattati solo i pazienti in codice verde ed in codice bianco.
Per l’emergenza/urgenza i cittadini devono rivolgersi al Polo Ospedaliero di Frosinone-Alatri ed ai rispettivi Pronto Soccorso.
Nel merito dell’episodio possiamo dire che l’uomo è stato seguito con tempestività ed attenzione ed in pochi minuti è stato inviato al Pronto Soccorso di Frosinone.
Ad Anagni è stato visitato dal Cardiologo, sottoposto ad elettrocardiogramma e a prelievo venoso per la valutazione degli enzimi. La stessa cosa è avvenuta all’Ospedale di Frosinone.
In tutte e due le occasioni gli elettrocardiogrammi sono apparsi nei limiti della norma e gli enzimi sono risultati negativi.
Comunque, prudentemente, il 61enne è trattenuto in osservazione clinica presso l’Ospedale di Frosinone per fare ulteriori accertamenti.
Si ribadisce che i cittadini possono stare tranquilli perché ad Anagni – nell’ambito delle prestazioni previste – sono seguiti con cura e dedizione.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Sabato 13 Giugno ore 11.00 presso il convento di San Lorenzo di Piglio si terrà un convegno dibattito promosso dall’UGL Provinciale di Frosinone al quale seguirà una messa. Presenzierà i lavori il Segretario Generale Paolo Capone, ospite d’onore sarà l’on. Renata Polverini. Al termine seguirà un ricco buffet.
Di seguito, la nota inviata a questa redazione dal consigliere di opposizione Daniele Natalia:
Potenziamento dell’intera struttura, dei servizi e del Punto di primo intervento, mantenimento del laboratorio analisi, un tavolo tecnico permanente sull’ospedale di Anagni. E’ quanto deciso con i sindaci dell’area nord della provincia questa mattina alla Regione Lazio nel corso dell’incontro organizzato dal consigliere regionale Mauro Buschini con la Cabina di regia della sanità a seguito delle richieste inviate al presidente Nicola Zingaretti dai sindaci di Anagni (Fausto Bassetta), Paliano (Domenico Alfieri), Piglio (Mario Felli), Acuto (Augusto Agostini), Serrone (Natale Nucheli), Sgurgola (Antonio Corsi), Trevi nel Lazio (Pierfilippo Schina) e Filettino (Paolo De Meis), per sollecitare standard di assistenza più elevati per l’ospedale di Anagni dopo il ridimensionamento causato dal decreto 80 dell’allora commissario Renata Polverini.
Anagni. L’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato parla ad anagnia.com: “la trasformazione del PPI di Anagni in PAT è una conseguenza del decreto ministeriale 70. A suo tempo, fu la Polverini a dare indicazioni come queste, di cui oggi noi subiamo in qualche modo le conseguenze”
Di seguito la nota di replica del Partito Democratico di Anagni alle dichiarazioni rese a questo giornale da Daniele Natalia, consigliere d'opposizione: