Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Il Lazio fuori dal commissariamento della Sanità: la nota integrale della locale sezione del Partito Democratico di Anagni

5 dicembre 2017

Dal gruppo consigliare del Partito Democratico di Anagni riceviamo questa nota che di seguito pubblichiamo integralmente:

Il Lazio esce fuori dal commissariamento della sanità. Questo significa che, nei prossimi mesi, torneremo ad essere protagonisti nella programmazione del futuro dei servizi sanitari del nostro territorio. Il risultato varato dal Governo Gentiloni, frutto del  lavoro durissimo dell’amministrazione Zingaretti, dimostra che, se si lavora bene, i risultati si raggiungono. La decisione apre un panorama totalmente nuovo per la sanità. E di questo dovremmo tener conto anche noi, nel mentre ci apprestiamo a celebrare l’ennesimo consiglio comunale aperto sul tema ospedale.
Il gruppo consiliare del Partito Democratico rende noto che ha deciso di non prendere parte, questa volta, a questo rito stanco che ripetiamo da anni senza grandi risultati. E non venga interpretato come mancato rispetto delle Istituzioni, anzi, come considerazione piena verso i cittadini che tanti sacrifici hanno fatto in questi anni di commissariamento. Se vi è un cambio di prospettiva così radicale, crediamo, vi debba essere anche un cambio di passo da parte nostra. Basta con le strumentalizzazioni su un tema così importante per meri scopi elettoralistici. L’epoca delle chiacchiere è passato, ora tocca ai fatti.
E i fatti parlano da sé. Come quelli che si stanno verificando i n questi giorni per l’ospedale di Anagni, annunciati ieri dal direttore Asl Macchitella e dal presidente Zingaretti. Ovvero l’arrivo all’ospedale di Anagni della nuova strumentazione della TAC, la messa in opera del respiratore che segna la riapertura dell’attività delle sale operatorie, l’ampliamento di ulteriori dodici posti di letto di degenza infermieristica la quale vanta già una lista d'attesa niente male. Passi concreti e precisi nella direzione che abbiamo sempre chiesto, come partiti, cittadini, associazioni, sindacati e personale ospedaliero: l’attuazione dell’Atto aziendale.
L’inserimento di Anagni, nel blocco dei servizi sanitari di Alatri e Frosinone, dice che l’ospedale conoscerà nuova vita. E che le promesse, una ad una, vengono pian piano mantenute. Per questo non ci interessano le passerelle che ci possono dare consigli comunali aperti o manifestazioni del genere. Ma ci interessa camminare sulla strada intrapresa che vede un ospedale ormai chiuso riaprire i battenti e ridare servizi ai cittadini di Anagni e del comprensorio. Per questo c i siamo sempre battuti e per questo continueremo a batterci.


 

TI POTREBBERO INTERESSARE

È stata presentata questa mattina, sabato 20 febbraio, in via degli Arci, la sede anagnina di Think dem, la corrente del Partito democratico che, in città, fa riferimento a Vittorio Save Sardaro.
“Non permettiamo a nessuno di utilizzare il Partito democratico di Anagni come un bersaglio, con l’esclusivo fine di raggiungere fini particolari.” Replica così il circolo cittadino del Partito democratico di Anagni, guidato dal segretario Francesco Sordo, alle parole di Simone Ambrosetti e de La Rete dei Cittadini nel corso della conferenza stampa di lunedì scorso.
Il Partito Democratico di Anagni ha chiesto, in una lettera spedita oggi, che il direttore della Asl di Frosinone Luigi Macchitella e il responsabile del dipartimento Prevenzione, dott. Giancarlo Pizzutelli, rendano noti i numeri a disposizione, rispetto alla situazione sanitaria dei cittadini della Valle del Sacco. Il partito guidato da Francesco Sordo, insieme ai consiglieri Sandra Tagliaboschi, Egidio Proietti e Maurizio Bondatti, con l'assessore Aurelio Tagliaboschi,
Di seguito pubblichiamo integralmente la nota inviata a questa redazione dal segretario del Partito Democratico di Anagni Francesco Sordo e dai consiglieri comunali Aurelio Tagliaboschi, Egidio Proietti, Maurizio Bondatti, Sandra Tagliaboschi sulla questione Marangoni:
“E' per senso di responsabilità che continueremo a sostenere, almeno fino a quando sarà possibile; ma obiettivamente non c’è più la fiducia incondizionata che c’è stata per lui fino ad oggi”. E' quanto dichiarato - oggi pomeriggio, giovedì 5 ottobre - in sede di conferenza stampa dal segretario politico cittadino del Partito Democratico Francesco Sordo, all'indomani dell'ingresso in giunta di Giuseppe Felli di Progetto Anagni e il conseguente allontanamento di Roberto Cicconi di Anagni Democratica.