Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Comitato Ospedale Colleferro: centinaia le firme raccolte a Colleferro, Anagni, Artena, Carpineto Romano, Gavignano, Gorga, Montelanico, Piglio, Paliano, Segni, Serrone e Valmontone per il TAR

30 ottobre 2017

Di seguito pubblichiamo la nota inviata a questa redazione da Gabriella Collacchi e Ina Camilli, rispettivamente portavoce e coordinatore del Comitato libero “A difesa dell’ospedale di Colleferro” - Coordinamento territoriale:

“Nelle ultime settimane abbiamo effettuato il tour dei Comuni limitrofi - Colleferro, Anagni, Artena, Carpineto Romano, Gavignano, Gorga, Montelanico, Piglio, Paliano, Segni, Serrone e Valmontone -  per far conoscere la reale situazione del “L.P. DELFINO” DI COLLEFERRO.
Con l’iniziativa del Comitato libero “A difesa dell'ospedale di Colleferro” – Coordinamento territoriale ‘DI piazza IN piazza’ siamo stati presenti nei Comuni i cui abitanti usufruiscono del nosocomio colleferrino, dove è forte la relazione “compromettente” tra salute e ambiente, per raccogliere le firme ed impegnare i Sindaci a chiedere la modifica del decreto Zingaretti o, in caso di insuccesso, a presentare ricorso al TAR LAZIO (DCA 18.7.2017, n. U00291).
Abbiamo raccolto centinaia di firme, ma tanto impegno, purtroppo, è stato inutile, perché non ci risulta che i Sindaci abbiamo fatto l’una o l’altra cosa. Per questo, dopo aver chiesto ai cittadini di METTERE UNA FIRMA, ABBIAMO DECISO DI METTERCI TUTTO IL NOSTRO IMPEGNO e di  ricorrere noi al TAR, depositando il ricorso.
Nelle piazze e in Tribunale chiediamo la tutela del diritto alla salute perché molte malattie  hanno una causa ambientale diretta, come documentato da rapporti internazionali e nazionali dell’OMS (Organizzazione mondiale della sanità), del DEP ERAS (Dipartimento epidemiologico Regione Lazio) e SENTIERI (Istituto superiore di sanità).
Chiediamo l’accesso alle cure e alla SANITA’ PUBBLICA perché nell’intero comprensorio sono in aumento i rischi sanitari legati all’inquinamento ambientale. Vogliamo che sia assicurata la piena efficienza degli ospedali di Colleferro, Anagni, Palestrina, Frosinone e Subiaco, come delle strutture sanitarie della valle del Sacco.
Non abbiamo servizi adeguati su un territorio che è stato e continua ad essere avvelenato. Dobbiamo dire chiaramente che questi Amministratori non vogliono ospedali, non vogliono una economia che, salvaguardando l’ambiente, rispetti la salute di tutti!
Il caso sanitario e ambientale della nostra comunità chiama in causa tre fattori: Istituzioni, economia e lavoro, dove i rappresentanti locali non sono state dalla nostra parte, l’occupazione è stata contrapposta senza mezze misure alla salute e all’ambiente.
Nella valle del Sacco viviamo da decenni un gravissimo “conflitto ambientale” tra la disperazione di salvare il posto di lavoro o la salute e le condizioni di vita, ricatto che frena una possibile soluzione del problema ambientale e sanitario.
Cogliamo l’occasione per ringraziare tutti per l’accoglienza e il supporto ricevuto e per rassicurare chi ha fiducia in noi che tanta passione per la causa sarà onorata.
In questi mesi, dopo la ripresa delle ferie estive, la nostra presenza nei Comuni facenti capo al territorio dell'ospedale di Colleferro non è mai mancata. I cittadini dei Comuni vicini ci hanno ascoltato. Molti ancora non sanno come stanno realmente le cose nel nosocomio colleferrino e si avvicinavano interessati ai banchetti per avere informazioni e per aderire alla raccolta firme.
Al contrario, Sindaci, Assessori e Consiglieri comunali, tranne qualche eccezione, non ci hanno ricevuto, non hanno presentato il ricorso e non hanno voluto ascoltare le richieste dei cittadini.
Non ci lasciamo abbattere da simili comportamenti. Non ci diamo per vinti e cercheremo di impedire la disintegrazione professionale e qualitativa della sanità pubblica nel territorio e dell’ospedale.
E’ certo che questa situazione potrebbe notevolmente migliorare se ci fosse l’avvicendamento alla direzione sanitaria della ASL RM5 di cui si parla da tempo e che ormai sembra deciso.
Dopo una campagna di informazione è stato eletto il responsabile del Tribunale per i Diritti del Malato, nella persona del dott. Sandro Sbrighi, medico in pensione che molto ha dato al nosocomio durante il suo lavoro presso il Centro Trasfusionale e laboratorio analisi. Questo importante incarico nel nostro ospedale non era stato più rinnovato ed è necessario, in un momento come questo per la sanità locale, avere un responsabile che, di concerto con gli altri referenti degli ospedali del distretto, dia seguito alle richieste dei cittadini e risponda alle esigenze degli utenti.
Come volontari del Comitato saremo presenti nei prossimi eventi di novembre e dicembre a Colleferro con l’obiettivo di essere dalla parte e a fianco dei cittadini per fare in modo che chi di dovere si accorga di quanto l'ospedale efficiente sia indispensabile a un territorio composto da circa 130 mila persone: inutile fare finta di niente e nascondere la verità dei fatti!
Sono molte le iniziative che faremo da qui all'inizio del 2018 a favore dei cittadini che vorranno conoscere la vera situazione dell’ospedale e continueremo ad impegnarci per chiedere serietà alle nostre Istituzioni locali in materia di salute del territorio, anche promuovendo iniziative di prevenzione".

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

I Sindaci di Colleferro, Anagni, Artena, Carpineto Romano, Gavignano, Gorga, Montelanico, Piglio, Paliano, Segni, Serrone, Valmontone esprimono la propria soddisfazione per l’esito dell’appello al Consiglio di Stato
Con la vignetta di Tommaso di oggi, la Redazione di Anagnia augura a tutte le donne del mondo, ma in particolare alle donne di Anagni, Piglio, Paliano, Colleferro, Serrone, Valmontone, Carpineto Romano, Montelanico, Ferentino, Sgurgola, Morolo, Gavignano, Gorga, Fiuggi, Trivigliano, Torre Cajetani una meravigliosa giornata di festa e le ringrazia per l'importante impegno e per il coraggio con cui ogni giorno affrontano la vita.
Un gruppo affollato di sindaci ed amministratori comunali si è dato appuntamento ieri pomeriggio alle 18.30 nella Sala della Ragione del comune di Anagni per creare il Coordinamento per la difesa dell’ambiente. Oltre al sindaco di Anagni Fausto Bassetta ed a quello di Paliano Domenico Alfieri, c’erano amministratori provenienti da Sgurgola, Acuto, Ferentino, Serrone, Piglio, Olevano Romano, Segni, Montelanico, Gorga, Carpineto Romano, Valmontone, Gavignano, Artena e Genazzano.
Si terrà oggi pomeriggio, alle 18 nella Sala della ragione del Comune di Anagni una riunione dei sindaci che faranno parte del nascente Coordinamento per l'ambiente.
La Sala della Ragione del Comune di Anagni ospiterà, venerdì prossimo a partire dalle 16, una nuova riunione del Coordinamento dei sindaci della Valle del Sacco per l’ambiente. L’organismo, formato da 17 Comuni delle province di Frosinone e Roma (Acuto, Anagni, Artena, Carpineto Romano, Ceprano, Ferentino, Gavignano, Genazzano, Gorga, Montelanico, Olevano Romano, Paliano, Piglio, Segni, Serrone, Sgurgola e Valmontone), in questa occasione presenterà la propria politica ambientale alle aziende del territorio.