Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Palestrina. Straordinario gesto di solidarietà dell'associazione Lollo10 nei confronti del reparto neonatale dell'ospedale "Coniugi Bernardini": donata una culla di ultima generazione dotata di pulsiossimetro

I fondi sono stati raccolti durante le serate di beneficenza organizzate in collaborazione con il Comune di Gorga - 11 ottobre 2017

Il personale medico ed infermieristico del reparto neonatale dell'ospedale "Coniugi Bernardini" di Palestrina diretto dalla dott.ssa Agnese Valacchi ha accolto con entusiasmo, lunedì mattina 9 ottobre, la donazione da parte dell'associazione Lollo10 di Colleferro di una efficiente e tecnologicamente avanzata culla basculante per neonati realizzata in struttura di acciaio tubolare verniciato a polveri epossidiche.
La culla, la cui forma arrotondata avrà lo scopo di garantire la sicurezza del neonato e una facile sanificazione e un più sicuro trasporto da parte dell’operatore, è dotata di materassino termico completo di Thermodriver per il riscaldamento servocontrollato per garantire una fonte benefica supplementare di calore al piccolo paziente. Una speciale cappottina consente di coprire la parte anteriore della culla stessa per il maggior conforto del piccolo, specie durante i trasporti ospedalieri. Il sistema è completato da un flussometro per ossigenoterapia con bottiglia. La culletta è corredata di pulsossimetro portatile per il monitoraggio della saturazione dell’ossigeno nel sangue. Il sistema di monitoraggio si basa su una tecnologia ossimetrica e una struttura uniche atte a fornire a medici dati precisi e tempestivi, che comprendono un certo numero di parametri: saturazione dell’ossigeno nel sangue arterioso, frequenza del polso e forma d’onda pletismografica.
«Siamo grati all'associazione Lollo10 per questo meraviglioso gesto di solidarietà - ha affermato la dott.ssa Agnese Valacchi - grazie a questa iniziativa oggi entriamo in possesso di uno strumento di alta tecnologia per il nostro reparto, che porterà indubbi vantaggi nell'ambito nella sicurezza del neonato. Per questo va a tutti i partecipanti a questa iniziativa il ringraziamento più sentito da parte del nostro ospedale. Ma il migliore ringraziamento - ha concluso la dott.ssa Agnese Valacchi - sarà quello di tutti i piccoli pazienti che potranno usufruire di questa tecnologia». Alla cerimonia di consegna del macchinario - che si è tenuta all'interno dello stesso reparto - hanno partecipato non soltanto i medici e il personale infermieristico della struttura ma anche tanti amici dell'associazione Lollo10 che sempre più, in questi ultimi mesi, si è distinta per le iniziative di solidarietà e generosità nei confronti dei bambini meno fortunati. Con i fondi reperiti grazie alle iniziative di beneficenza organizzate in collaborazione con il Comune di Gorga e grazie alla vendita dei biglietti della lotteria - oltre all'acquisto di questa straordinaria culla - l'associazione Lollo10, presto, acquisterà anche alcune poltrone relax con poggia testa destinate a rendere meno disagevole la permanenza dei genitori accanto al letto dei piccoli ricoverati dell'ospedale "A. Gemelli di Roma. L'associazione, da ormai quasi due anni, è particolarmente attiva nei reparti di Oncologia Pediatrica e Neurochirurgia del Policlinico "A. Gemelli" di Roma dove aiuta le famiglie in difficoltà. Per restare informati sulle attività dell'associazione si può visitare il sito web https://www.lollo10.it/ oppure si può cliccare "mi piace" sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/Lollodieci/.


TI POTREBBERO INTERESSARE

I Carabinieri della Compagnia di Colleferro sono a lavoro, in queste ore, per individuare ed assicurare alla Giustizia i due truffatori che nelle ultime ore, a Colleferro, si sono recati in diversi negozi della città per chiedere un contributo in danaro per organizzare una processione in memoria del piccolo Lorenzo Caschera, venuto a mancare alcuni mesi fa. Il papà di Lorenzo, Maurizio - che è anche promotore dell'associazione di beneficenza "Lollo10" - dice di "dissociarsi nel modo più assoluto da questa iniziativa. Vi preghiamo di contattare immediatamente le forze dell'Ordine nel caso in cui vi capitasse di imbattervi in questi due truffatori.
La lettera pubblicata dall'associazione Lollo10 in occasione del Natale; la riportiamo integralmente. Grazie all'amico Maurizio Caschera per averla condivisa con i nostri lettori e con la nostra redazione.
Trasformare il dolore in un seme di speranza; è con con questo auspicio che hanno preso ufficialmente il via, nei giorni scorsi, le attività dell'associazione di volontariato "Lollo10", ufficialmente costituitasi lo scorso 15 marzo a Colleferro davanti al notaio Antonio Santacroce e festeggiata con una partecipatissima e colorata festa di beneficenza sabato sera nove aprile al ristorante "La Noce" in località Amasona di Segni, sulla via Casilina.
Erano stati incaricati dalla parrocchia di San Bruno di girare porta a porta tra i commercianti e i semplici cittadini di Colleferro per chiedere, ad ognuno, contributi in danaro da utilizzare nel pellegrinaggio al santuario della Santissima Trinità; così facendo avevano raccolto, in pochi giorni, una discreta somma. Che sarebbe stata ben più cospicua se Maurizio Caschera, padre del 14enne Lorenzo - il ragazzo venuto a mancare ad agosto scorso a seguito di una grave malattia - non si fosse accorto del fatto che tale richiesta di danaro era avanzata, senza autorizzazione e a sua insaputa, in nome di suo figlio, alla cui memoria il pellegrinaggio, a detta dei questuanti abusivi, sarebbe dovuto essere intitolato.
Ancora una volta a vincere è stata la solidarietà ma il merito, stavolta, non va solo all'associazione senza fini di lucro "Lollo10", ufficialmente costituitasi da qualche mese, ma anche ai dirigenti e agli agenti di commercio della Gran Tour Bagno di Paliano grazie ai quali è stato possibile raccogliere ben 5500 euro che verranno destinati alla realizzazione di progetti di cura in favore dei bambini ricoverati presso il reparto oncologico del policlinico "A. Gemelli" di Roma.