Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Dal 1 marzo arriva la ricetta elettronica valida in tutte le regioni d'Italia: ecco cosa cambia per i pazienti

27 febbraio 2016

Va in pensione la vecchia ricetta rossa del medico di famiglia: a partire da lunedì prossimo I marzo, infatti, entrerà in vigore la ricetta elettronica, detta anche "dematerializzata". La legge che manda in soffitta i blocchetti rossi del medico, ricorda la Federazione nazionale dei medici di famiglia Fimmg, è in realtà del dicembre 2015 e recepisce un decreto di più di tre anni fa.
Dunque, a fare data da lunedì se un medico di famiglia di Roma prescrive un farmaco rimborsabile, lo farà elettronicamente sul computer o tablet e darà al paziente un tagliandino.
Consegnandolo assieme alla tessera sanitaria in una qualsiasi farmacia italiana, dunque non solo nel Lazio, il paziente riceverà la medicina di cui ha bisogno pagando il ticket che pagherebbe nella regione di provenienza che magari è diverso. Il sistema della ricetta rossa digitale scatta in modo completo a livello nazionale martedì. Per ora i pazienti riceveranno dal medico un piccolo promemoria da consegnare al bancone della farmacia, che permetterà di recuperare la prescrizione anche in caso di malfunzionamenti del sistema o assenza di linea Internet con il quale andare in farmacia: con i dati presenti, attraverso i codici a barre stampati sul piccolo foglio A5, il farmacista recupera la prescrizione direttamente on-line e consegna la medicina.
La ricetta elettronica nel Lazio vi è da mesi; dal 1 Marzo il Mef effettuerá il calcolo automatico del ticket per gli assistiti "fuori regione". In pratica ora vale l'ASL di iscrizione dell'assistito ai fini del calcolo. In Veneto sta partendo la sperimentazione senza il prospetto cartaceo e la Calabria è l'unica regione che ancora deve avviare la dematerializzazione.
In ogni caso, ci vorrà ancora del tempo prima che sparisca anche la vecchia "fustella" da attaccare nei riquadri rossi, poiché anche se i codici della confezione sono inseriti direttamente sul computer ancora, non è stato possibile determinare un meccanismo che annulli il valore della fustella rispetto alla necessità di identificare e distinguere i farmaci erogati a carico del Ssn da quelli che anche se erogabili vengono invece pagati direttamente dal cittadino.


TI POTREBBERO INTERESSARE

"Il compleanno è nostro ma il regalo è per voi": è con questo slogan che il Centro Salute "Madonna delle Rose" diretto dalla dott.ssa Serena Cerri festeggia il suo primo anno di attività offrendo uno sconto sulle analisi cliniche, su una spesa minima di 19.90 euro. La promozione è valida dal 15 febbraio al 20 febbraio prossimo.
Restano gravi le condizioni di salute del giovane motociclista di Isola del Liri rimasto coinvolto in un incidente stradale sulla via Casilina, ad Anagni; i medici si riservano la prognosi. Sequestrati entrambi i mezzi coinvolti nel sinistro
Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin difende la sua iniziativa chiamata "Fertility day". Ma, probabilmente, anche lei ha ancora qualche idea poco chiara...
La Valle del Sacco in strada per manifestare per i propri diritti e per la propria salute: a Frosinone il prossimo 13 aprile
Anche quest’anno la ASL di Frosinone, con iniziative volte a far assumere, in modo consapevole, a tutte le donne della provincia di Frosinone, un atteggiamento più interessato e responsabile nei confronti della propria salute, promuove la seconda giornata nazionale della salute della Donna, dedicata alla sensibilizzazione e all’informazione sulle principali patologie femminili. L’iniziativa si terrà sabato 22 aprile dalle ore 9 alle ore 13.30 presso l’ospedale “F. Spaziani” di Frosinone.