Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Segni. Quattro ciclisti vittime di un incidente: uno di loro prende una buca e cade, gli altri lo tamponano. Attivato il protocollo per l'eliambulanza; sul posto i Carabinieri della Compagnia di Colleferro e il personale del 118

14 agosto 2019

Brutto incidente, oggi pomeriggio, lungo la via Carpinetana, all'altezza del territorio del Comune di Segni; a restarvi coinvolti sono stati quattro ciclisti che percorrevano la strada in direzione di Colleferro. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti effettuata dai Carabinieri della Compagnia di Colleferro, uno dei quattro avrebbe preso una buca: a seguire, gli altri lo hanno tamponato finendo sull'asfalto. Immediatamente è stato attivato il protocollo relativo all'intervento di una eliambulanza ma subito dopo, in considerazione della non estrema gravità delle ferite riportate dai ciclisti, si è desisisto preferendo trasportarli nel vicino ospedale di Colleferro.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Un uomo di 88 anni residente a Colleferro è morto questa mattina dopo essere precipitato a terra dal piano del reparto di Ortopedia dell'ospedale di Colleferro; la dinamica di quanto accaduto è ora al vaglio dei Carabinieri della locale Compagnia coordinata dal ten. Ettore Pagnano che sta cercando di capire cosa sia esattamente accaduto. L'uomo - stando alle prime informazioni - era ricoverato al reparto di Medicina dello stesso ospedale. La morte non è stata istantanea: accortisi di quanto era appena accaduto, alcune persone hanno immediatamente allertato i soccorsi giunti sul posto dopo pochi secondi. L'uomo è stato subito trasportato all'interno del pronto soccorso con ferite e fratture multiple su tutto il corpo ma è spirato poco dopo.
Poteva trasformarsi in tragedia l'incidente che questa mattina - giovedì 17 novembre - si è verificato in località Colonna, lungo la via Carpinetana nel tratto compreso tra Montelanico e Carpineto Romano. Il conducente di un furgone che transitava lungo la strada ha travolto ed ucciso un cavallo che improvvisamente gli ha attraversato la strada. Sul luogo dell'incidente si sono immediatamente portati i Carabinieri della locale stazione agli ordini del mar. Serena De Donno che hanno coordinato e portato a termine le operazioni di messa in sicurezza del luogo. L'incidente, che oltre alla morte del cavallo ha provocato seri danni al furgone, ha nuovamente riaperto il dibattito sulla necessità di intervenire in maniera più decisa nei confronti del problema degli animali che vagano liberamente lungo la via Carpinetana, tra Montelanico e Carpineto Romano. Intanto, c'è già chi sta organizzando una manifestazione da tenersi a Roma, sotto alla sede della Prefettura, il prossimo 15 dicembre per protestare con questo stato di cose che mette a repentaglio l'incolumità delle persone e degli stessi animali.
Giù dal balcone per diversi metri: ragazza di 28 anni perde la vita nel centro di Colleferro. Vani i tentativi dei medici di salvarla
Ha fatto tappa ad Anagni la Randonee 999 miglia di Roma e del sud organizzata da Bike Rando, Ari, Les Randonneurs Mondiaux, Formula Bici e CSAIn Ciclismo in collaborazione anche con il Team Bike Anagni e con il patrocinio di diversi enti comunali tra cui anche quello di Anagni; ad accogliere i ciclisti alla prima tappa Roma-Anagni c'era tutto lo staff del Team Anagni Bike che ha allestito due punti di ristoro, uno - ieri sera - davanti al convitto INPS "Principe di Piemonte", l'altro - questa mattina - nei pressi della cattedrale di santa Maria Annunziata.
C'è forse una manovra sbagliata da parte di un’automobilista alla base dell'incidente che è costata la vita a due ciclisti, alla periferia Bergamo. L'incidente si è verificato sabato sera poco dopo le 19 tra Mozzo e Curno, sull’ex statale Briantea. A perdere la vita Giorgio Oddi, 16 anni, nativo di Veroli e da tempo trasferitosi in Lombardia da qualche anno, e Maurizio Besana, 59 anni, di Bonate Sotto. Giorgio, studente dell’istituto tecnico "Giulio Natta" di Bergamo è morto alle 3.30 del mattino all’ospedale "Papa Giovanni XXIII", a causa di grave lesione alla spina dorsale. Avvisati della tragedia, i genitori del giovane hanno raggiunto il luogo dell’incidente. Giorgio era un appassionato di bici e di mountain bike e anche un bravo studente, che aveva scelto l’indirizzo «chimica e materiali». Tutte da chiarire le cause che hanno provocato l'incidente: alla guida dell'auto, una Volkswagen Golf scura, una donna di 47 anni.