Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

L'appello dei cittadini di Carpineto Romano al nostro quotidiano: "problema dei bovini inselvatichiti non più sostenibile: la nuova amministrazione si adoperi"

la risposta del neo-eletto sindaco Stefano Cacciotti: "sin dal primo giorno ci stiamo confrontando con le forze di polizia e con la ASL per lavorare a una soluzione che sia efficace e definitiva" - 11 luglio 2019

Carpineto Romano continua ad essere assediata dai bovini inselvatichiti e i residenti chiedono a gran voce all'amministrazione comunale da poco insediatasi di risolvere il problema. "Sono anni che a nel nostro paese c'è questo problema: mucche libere di circolare per il centro storico e nelle strade principali mettendo a rischio la sicurezza delle persone, automobilisti, motociclisti, etc - spiegano alcuni cittadini di Carpineto Romano in una lettera inviata al nostro giornale - queste mucche non hanno i bollini identificativi sulle orecchie, pertanto quando si verifica un incidente il povero malcapitato si deve ripagare i danni da solo. E chiunque riceve danni da parte di questi bovini (soprattutto fra le varie coltivazioni) non può appellarsi a nessuno per essere risarcito. La cosa allucinante è che in alta montagna ci sono mucche "regolari", con i bollini... mentre per il paese circolano libere mucche senza bollini. Le varie amministrazioni che si sono succedute hanno provato senza successo a risolvere il problema; da poco si è insediata una nuova amministrazione che, nel programma, ha scritto a chiare lettere che risolverà il problema mucche per sempre: è ciò che speriamo con tutto il cuore". Alle parole dei cittadini di Carpineto Romano che si sono rivolti al nostro giornale, fanno seguito quelle del neo-eletto primo cittadino Stefano Cacciotti, raggiunto telefonicamente dal nostro quotidiano: "il problema dei bovini vaganti - spiega Stefano - è un fenomeno criminoso che va assolutamente risolto. Questo è un problema sia di sicurezza per i pedoni e gli automobilisti, sia di sanità pubblica perché comincia a capitare troppo spesso di trovare carcasse di mucca all’interno del centro abitato. La mia amministrazione, sin dal primo giorno, si sta confrontando con le forze di polizia e con la ASL per lavorare a una soluzione che sia efficace e definitiva".


TI POTREBBERO INTERESSARE

Riceviamo e pubblichiamo, di seguito, la nota stampa inviata a questa redazione dal sindaco di Carpineto Romano Matteo Battisti che ringraziamo:
Carpineto Romano volta pagina, storico risultato per Stefano Cacciotti eletto primo cittadino: "per me sarà un onore poter rappresentare da Sindaco il nostro paese e la nostra comunità"
Addio a Luigi Cacciotti, appassionato amministratore, vicesindaco e candidato alla carica di sindaco a Carpineto Romano; il cordoglio del sindaco Matteo Battisti. Dolore e sgomento in paese
La cattura e l-Ordinanza 47/2014, è stato concluso. La situazione era e rimane insostenibile per Carpineto Romano, ma con il forte gesto di questa Amministrazione Comunale e con la collaborazione sinergica di tutte le forze dell-allevamento di bovini nella totale illegalità.
Striscia la notizia, noto tg satirico in onda su Canale 5, torna a Carpineto Romano per occuparsi dell'ormai divenuto famigerato stato di convivenza tra abitanti e animali che vivono allo stato brado, in particolare equini e bovini. A far visita, stavolta, allo splendido paese situato nel cuore dei Monti Lepini, è stato l'inviato Eugenio il Genio, che ha raccolto informazioni e ha sentito le opinioni di diversi residenti su quella che oramai è un'annosa questione che preoccupa non poco i carpinetani e tiene impegnato il sindaco Matteo Battisti e tutta l'amministrazione comunale da lui guidata.