Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Regione Lazio, ecco il bando per la riconversione del termovalorizzatore di Colleferro

l'impianto verrà riconvertito in una fabbrica per il recupero, riciclo e riuso degli scarti dei lavorazione dei rifiuti provenienti dagli impianti di trattamento - 3 luglio 2019

Il termovalorizzatore di Colleferro, ora in disuso, sarà riconvertito in una fabbrica per il recupero, riciclo e riuso degli scarti dei lavorazione dei rifiuti provenienti dagli impianti di trattamento. Il Consiglio di Amministrazione  di Lazio Ambiente ha approvato il bando di gara per la riconversione, il bando partira’ dopo l’estate. E’ una delle azioni per una territorio piu’ verde e plastic free presentate dal governatore del Lazio Nicola Zingaretti. La giunta regionale ha approvato una memoria che prevede 6 punti su cui lavorare per i prossimi mesi. Tra questi ci sono gli acquisti verdi, ogni giorno il servizio sanitario del Lazio eroga circa 25 mila pasti che, con le tradizionali forniture, utilizzano piatti di plastica monouso. La sostituzione di questa plastica con piatti di ceramica permettera’ di non consumare piu’ 250 tonnellate annue di plastica monouso. A luglio invece verra’ avviata la gara per il rifacimento della via Nettunense (dal km 0 al 37) utilizzando esclusivamente “asfalto green” derivante da riciclo di materiali, per il prossimo triennio la Regione stima di realizzare in questo modo oltre 6 milioni di metri quadrati di strade. E’ gia’ in corso invece il bando per dotare tutti i Comuni costieri per contenitori di rifiuti plastici sulle spiagge del litorale, mentre ne verra’ lanciato analogo bando per raccoglitori di sigarette.”Oggi c’e’ un passo in avanti verso l’idea di un modello di sostenibilita’ di una grande Regione come il Lazio con tre grandi scelte. Parte la gara per realizzare, dove c’erano degli inceneritori, uno fra i piu’ grandi impianti per il riuso e il riciclo di materiali, 500 mila tonnellate l’anno, per chiudere il ciclo dei rifiuti dentro un’idea di economia circolare”, ha spiegato il governatore Nicola Zingaretti. “E’ un processo che va avanti – ha aggiunto -con dei segnali molto forti per fare della nostra Regione una delle piu’ green del Paese. Questo e’ il modo di cambiare: creare lavoro e riaccendere i motori di uno sviluppo possibile in Italia”.

TI POTREBBERO INTERESSARE

Rifiuti: TAR del LAzio conferma rinnovo Aia discarica di Colle Fagiolara Colleferro
In riferimento al comunicato congiunto inviato dai sindaci di Colleferro, Paliano, Genazzano e Valmontone nel quale si annunciava che “la discarica di Colle Fagiolara non si amplia nel perimetro e nelle volumetrie” ci preme puntualizzare su alcuni aspetti della questione che, a nostro avviso, sono abbastanza importanti. I sindaci, in effetti, hanno ragione su un punto: la recente determina regionale non amplia la discarica.
Tre ore di duro lavoro per gli agenti della Polizia Locale di Colleferro, dei Vigili del Fuoco e del personale dell'ufficio veterinario di Colleferro per mettere in salvo due cani caduti all'interno di una vasca per la raccolta di acqua piovana, in località Colle Fagiolara. Purtroppo, per uno dei due animali non c'è stato nulla da fare: è affogato poco dopo essere caduto in acqua; l'altro - uno splendido cane pastore - è stato salvato e portato al sicuro.
Sullo scottante tema dei rifiuti romani da conferire nella discarica di Colle Fagiolara, è intervenuto anche il Sindaco di Piglio Mario Felli, che ha sottolineato l’insofferenza dell’intero territorio, ormai tartassato sotto ogni punto di vista, che ancora per l’ennesima volta deve sopperire ad una carenza da parte dell’Amministrazione romana che non riesce a gestire la problematica dei rifiuti, e considera la provincia di Frosinone come una discarica, a proprio servizio.
No alla gestione dei rifiuti mediante trattamento meccanico-biologico, no alla discarica di Colle Fagiolara, no agli inceneritori. Sì alla tutela della salute dei cittadini. Associazioni, comitati, movimenti, forze politiche e singoli cittadini della Valle del Sacco impegnati per la salvaguardia del territorio, dell’ambiente e della salute si sono dati appuntamento ieri, sabato 29 novembre, a Colleferro per manifestazione la propria forte opposizione all’attuale gestione del ciclo dei rifiuti, "obsoleta e responsabile della grave emergenza ambientale e sanitaria".