Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Colleferro, rubano cambiamonete in una sala slot: arrestati subito grazie al GPS dalla Polizia di Stato

13 maggio 2019

Rubano una macchina cambiamonete ma vengono fermati poco dopo grazie al GPS. E' accaduto venerdì pomeriggio a Colleferro: due sono le persone arrestate e una terza è in corso di identificazione. I tre hanno raggiunto una sala slot a Colleferro e hanno rubato un apparecchio per il cambio monete, approfittando della temporanea assenza del proprietario, dopo averlo sradicato dal muro e aperto con un frullino. Circa 4 mila euro il bottino. Ad operare l'arresto sono stati gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Colleferro i quali sono riusciti ad individuare l’esatta posizione della refurtiva: un’abitazione privata distante circa un chilometro dalla sala-slot. Una volta giunti sul posto, i poliziotti si sono fatti aprire la porta da una donna che ha riferito di vivere con il figlio, uscito in auto da poco con un suo amico. Quando quest’ultimo è tornato a casa, sono bastate alcune domande degli investigatori per far confessare l’uomo che, autore del furto, ha indicato il nascondiglio del malloppo: un locale posto nel retro della palazzina dove, dietro alcuni pannelli in lamiera, gli agenti hanno rinvenuto l’apparecchio. Aperto con un frullino elettrico e completamente svuotato del denaro, successivamente ritrovato all’interno di un secchio in plastica, contenente numerose monete da 2 euro pari a 2.450 euro. In seguito è stato rintracciato anche il complice, che ha cercato di negare il fatto fino a quando, messo alle strette dai poliziotti, ha consegnato circa 260 euro, parte del bottino ricevuto per il lavoro svolto: mettere a disposizione la sua macchina ed aiutare a scaricare l’apparecchio. La parte mancante dei soldi, 650 euro, è stata rinvenuta in via Fontana Bracchi, in un sacchetto dietro un gabbiotto del contatore del gas, poggiato sull’erba. Accompagnati negli uffici di Polizia per la redazione degli atti, P.R. con numerosi precedenti di polizia, e S.V., entrambi di Colleferro, sono stati arrestati per furto aggravato in concorso.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Nella mattinata di venerdì 29 aprile nel corso di un servizio di vigilanza stradale allestito lungo la Casilina all'altezza del km 17 nel territorio del comune di Roma, due agenti della Polizia Stradale di Colleferro hanno proceduto all'arresto di un cittadino di nazionalità albanese, K.D. di 35 anni, che era stato colpito da un provvedimento di esecuzione emesso dal tribunale di Perugia per una pena di dieci mesi, per traffico di stupefacenti. L'uomo, che viaggiava a bordo di una automobile insieme ad altro connazionale, ha cercato di dileguarsi nel traffico, ma prontamente è stato raggiunto e fermato per un controllo di polizia dal quale si è evinto che appunto una delle persone fermate era ricercata perché destinataria di un provvedimento di arresto.
I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Colleferro hanno tratto in arresto l'autore della rapina al bar-tabaccheria della Stazione ferroviaria di Colleferro avvenuta nei giorni scorsi; si tratta di un uomo, di 54 anni, con numerosi precedenti di polizia.
Nel primo pomeriggio di ieri 21 aprile intorno alle ore 13,00 IL personale facente parte del posto di Polizia Ferroviaria di Colleferro diretto dal sostituto commissario della Polizia di Stato Giuseppe Capuano, nel corso di mirati servizi di prevenzione dei reati in ambito ferroviario,
Siglato accordo tra il Comune di Colleferro e il locale commissariato della Polizia di Stato per l'accesso all'anagrafe comunale; la stipula consentirà alla Polizia di dimezzare i tempi di rilascio dei passaporti
Nella giornata di sabato scorso, fin dalle prime ore dell'alba una importante operazione coordinata dal posto di Polizia ferroviaria di Colleferro in stretta collaborazione con il Commissariato di Colleferro con il personale del Posto Polfer di Frosinone e con la determinante presenza delle unità cinofile della Questura di Roma ha consentito di procedere ad un ingente sequestro di distanze stupefacenti tra Colleferro e la Capitale.