Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Per anni ha violentato la figlia disabile della compagna: condannato uomo di origini sarde. Le violenze avvenivano in un appartamento di Colleferro; l'uomo, dopo essersi lasciato con la compagna, ora risiede a Valmontone

6 aprile 2019

Ha ripetutamente e in più occasioni violentato la figlia della sua ex compagna, sin da quando era poco più di una bambina, e approfittando anche dei ritardi mentali della piccola. E' per questo motivo che un un 59enne residente a Valmontone è stato condannato dal Tribunale di Velletri a nove anni di carcere per violenza sessuale aggravata su minore, oltre che al pagamento di una provvisionale di 20mila euro.
Il 59enne, sardo di origini, non era presente in aula quando la corte Collegiale presieduta dal giudice Isabella De Angelis ha pronunciato la condanna di colpevolezza per i reati di violenza sessuale aggravata su minore.
Il 59enne, la sua ex compagna e la piccola - fino a quando la relazione è durata - hanno vissuto a Colleferro ed è lì che sarebbero stati consumati i reati contestati. Ad accorgersi che qualcosa non andava sono stati i genitori di una amica della ragazzina, che si insospettirono del fatto che, nonostante quell’uomo non vivesse più con la piccola e con la mamma, continuava a sentirla telefonicamente ponendo domande equivoche che riguardavano anche la loro figlia.  La segnalazione fatta ai Carabinieri ha consentito di avviare le indagini che portarono ad accertare i fatti.
Elemento cardine del processo è stato l'incidente probatorio, nel corso del quale la ragazzina ha raccontato cosa le avesse fatto l'orco per anni. I due, stando al racconto della vittima, hanno avuto anche rapporti sessuali completi.
Al termine della fase dibattimentale la Pubblica Accusa ha chiesto una pena a sette anni di carcere a cui l’avvocato Maria Antonietta Colabucci, legale della parte civile costituita, ha chiesto un risarcimento danni per 100 mila euro. La difesa dell’imputato ha tentato di far leva sulla lettura che si sarebbe data alle dichiarazioni della vittima rimarcando i ritardi mentali di cui è affetta. Dopo circa un’ora di Camera di consiglio, Il collegio giudicante ha pronunciato la condanna a nove anni di carcere.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Un uomo di 88 anni residente a Colleferro è morto questa mattina dopo essere precipitato a terra dal piano del reparto di Ortopedia dell'ospedale di Colleferro; la dinamica di quanto accaduto è ora al vaglio dei Carabinieri della locale Compagnia coordinata dal ten. Ettore Pagnano che sta cercando di capire cosa sia esattamente accaduto. L'uomo - stando alle prime informazioni - era ricoverato al reparto di Medicina dello stesso ospedale. La morte non è stata istantanea: accortisi di quanto era appena accaduto, alcune persone hanno immediatamente allertato i soccorsi giunti sul posto dopo pochi secondi. L'uomo è stato subito trasportato all'interno del pronto soccorso con ferite e fratture multiple su tutto il corpo ma è spirato poco dopo.
Martedì pomeriggio i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Colleferro agli ordini del cap. Emanuele Meleleo hanno tratto in arresto un cittadino polacco di 38 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine e residente a Paliano, con l’accusa di furto aggravato. L’uomo è stato sorpreso da una pattuglia dei Carabinieri mentre, dopo aver forzato la porta d’ingresso di un ristorante-pizzeria di Valmontone, stava asportando dalla cella frigorifera vari prodotti alimentari per ingente valore. La merce è stata interamente recuperata e restituita al legittimo proprietario. L’arresto è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria che poi ha disposto la sua custodia cautelare presso la casa circondariale di Velletri.
I Carabinieri della Compagnia di Colleferro proseguono in via continuativa l’attività di prevenzione e repressione nei confronti dei reati contro il patrimonio. Ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione di Valmontone hanno arrestato due cittadini italiani, uno di Valmontone e l’altro di Artena e con numerosi precedenti, per tentato furto su autovettura.
I Carabinieri della Compagnia di Colleferro arrestano due persone: uno è un ricercato di origini rumene
Due donne romene sono state arrestate, ieri mattina, dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Colleferro coordinati dal cap. Emanuele Meleleo.