Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Colleferro. Risolto dai Carabinieri il giallo dell'uomo trovato in fin di vita giù dalla scalinata; quella che era sembrata inizialmente una banale caduta è poi risultato essere un omicidio preterintenzionale

9 gennaio 2019

I Carabinieri della Compagnia di Colleferro hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto un 28enne bulgaro, senza fissa dimora e con precedenti, perché indiziato dei reati di rapina impropria e omicidio preterintenzionale.
I fatti risalgono al mese scorso, quando nel centro cittadino, alle prime luci dell’alba, i sanitari del 118 trovarono un 53enne su una scalinata con varie ferite alla testa e in stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di alcool e privo di documenti di riconoscimento. Situazione che, in prima battuta, non aveva destato nei soccorritori sospetti circa la responsabilità di terzi sull’accaduto.
I Carabinieri giunti presso l’ospedale di Colleferro, attraverso il rilievo delle impronte, identificarono la vittima che nel frattempo era entrato in coma. Da quel momento sono scattate le indagini da parte dei Carabinieri della Stazione di Colleferro supportati da quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia, sotto la regia della Procura della Repubblica di Velletri. Un’indagine che ha permesso di ricostruire gli attimi precedenti al rinvenimento del 53enne colleferino attraverso l’escussione di numerose persone, l’analisi dei sistemi di videosorveglianza, approfondimenti di natura tecnica. I militari hanno dimostrato come, il cittadino bulgaro, dopo aver avuto una banale lite verbale con la vittima all’interno di una sala giochi, lo attese all’esterno, lo seguì per poi rapinarlo con calci e pugni asportandogli il portafogli e dandosi alla fuga. L’aggressore poi, nel limitrofo ufficio postale, effettuò un prelievo di trenta euro con la carta bancoposta intestata alla vittima per poi disfarsene.
Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Stazione di Colleferro, che erano già sulle tracce del malvivente, irreperibile dall’anagrafe degli uffici comunali e con continui cambiamenti di domicili, lo hanno scovato. Dopo varie ore d’interrogatorio alla presenza del suo avvocato, visti gli elementi inconfutabili raccolti dai militari, il 28enne ha confermato l’ipotesi investigativa dei Carabinieri.
Sotto la direzione della Procura della Repubblica di Velletri, i Carabinieri di Colleferro hanno sottoposto l’uomo a fermo di indiziato di delitto per i reati di rapina e omicidio preterintenzionale poiché la vittima, a distanza di un mese dall’accaduto, è deceduta in ospedale dov’era ricoverato. Il soggetto è stato associato presso il carcere di Velletri e messo a disposizione dell’Autorità giudiziaria.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Un uomo di 88 anni residente a Colleferro è morto questa mattina dopo essere precipitato a terra dal piano del reparto di Ortopedia dell'ospedale di Colleferro; la dinamica di quanto accaduto è ora al vaglio dei Carabinieri della locale Compagnia coordinata dal ten. Ettore Pagnano che sta cercando di capire cosa sia esattamente accaduto. L'uomo - stando alle prime informazioni - era ricoverato al reparto di Medicina dello stesso ospedale. La morte non è stata istantanea: accortisi di quanto era appena accaduto, alcune persone hanno immediatamente allertato i soccorsi giunti sul posto dopo pochi secondi. L'uomo è stato subito trasportato all'interno del pronto soccorso con ferite e fratture multiple su tutto il corpo ma è spirato poco dopo.
Alle ore 13.00 un Carabiniere della Stazione di Ferentino comandata dal mar. Raffaele Alborino, mentre si trovava libero dal servizio ha notato il 40enne G.T., già censito e agli arresti domiciliari per tentato omicidio in concorso, aggirarsi per le vie del centro. L'uomo è stato fermato dal militare che non avendo dall’uomo alcuna giustificazione circa la sua presenza fuori dalla sua abitazione lo ha dichiarato in arresto per il reato di evasione dagli arresti domiciliari. L’arrestato venerdì mattina sarà processato per rito direttissimo dalla Procura della Repubblica Presso il Tribunale di Frosinone.
Il suo nome era Ettore Sabellico, era originario di Frosinone, ed è morto all'indomani del brutale pestaggio compiuto a suo danno dal pizzaiolo campano Daniele Mignano, 27enne ora agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico con l’accusa di omicidio preterintenzionale. Ad incastrare il giovane è stato il video di una telecamera di sorveglianza e di alcuni altri ripresi da testimoni che hanno assistito alla scena: le immagini mostrano chiaramente che il giovane si è scagliato con forza contro il clochard 70enne e lo ha riempito di pugni e botte.
Accoltella la convivente originaria di Colleferro dopo una lite: 51enne residente a Rocca Priora arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Frascati
Ieri - nel centro storico di Ferentino - il personale del locale Comando Stazione Carabinieri coordinato dal mar. Raffaele Alborino ha tratto in arresto un 52enne del luogo, incensurato, poiché resosi responsabile dei reati di tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia nei confronti del proprio anziano padre e scaturiti a seguito dell’ennesima lite familiare generata verosimilmente per questioni ereditarie.