Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Vertenza Unicoop Tirreno, ancora ulla di fatto nell'incontro al Ministero. L'azienda dichiara l'intenzione di chiudere quattro punti vendita

30 ottobre 2018

Riportiamo di seguito, integralmente, la nota stampa inviata a questa redazione da USB Commercio:

Oggi, nell'incontro al Ministero dello Sviluppo Economico, Unicoop avrebbe dovuto presentare un analisi dettagliata e specifica di ogni singolo negozio con i relativi piani di organizzazione previsti. Invece, la cooperativa ha annunciato la volontà di chiudere 4 punti vendita, in sostituzione delle otto cessioni precedentemente previste.

I negozi coinvolti sarebbero Aprilia, Frosinone, Pomezia via Cavour e Velletri; 95 lavoratori coinvolti.
Su richiesta diretta dell'Usb, Unicoop Tirreno ha sostenuto come non sia previsto nessun licenziamento, ma solo trasferimenti.
Queste blande rassicurazioni però non sono sufficienti.


La cooperativa infatti ha parlato di una riduzione del costo del lavoro sia della rete vendite sia in sede.Lo scopo è arrivare ad un bilancio positivo nel 2020, investendo nei negozi che producono più utili e nel reparto "Freschissimi".
Non vi è, al momento, alcuna assicurazione dei livelli salariali, punto cardine dell'intera trattativa.  
Già lo scorso anno erano stati affrontati gli stessi temi e Unicoop aveva firmato un accordo sindacale da cui adesso sembra volersi sottrarre.
Gli stessi rappresentanti del Ministero hanno ribadito alla cooperativa la necessità di un'analisi specifica di ogni singolo negozio senza alcuna pre condizione su eventuali vendite.
L'Usb ribadisce come debba essere mantenuta la specificità cooperativa e qualsiasi operazione vada compiuta all' interno della salvaguardia dei livelli salariali ed occupazionali già deciso nel 2017.
L'Unione sindacale di Base è pronta a qualsiasi discussione con Unicoop, ma deve essere cancellata qualsiasi ipotesi di vendita. Quest'ultima, di fatto, bloccherebbe qualsiasi trattativa.
Il prossimo incontro è fissato per l'7 novembre.

Usb Commercio



TI POTREBBERO INTERESSARE

Le assemblee dei lavoratori hanno deciso all’unanimità di proclamare lo sciopero per opporsi con determinazione alla decisione di Unicoop Tirreno di cedere otto punti vendita del Sud del Lazio, come già fatto in Campania. Questa operazione dovrebbe, secondo l’azienda, far rientrare parte delle perdite e garantire l’occupazione.
Scongiurata la cessione dei punti vendita Unicoop Tirreno, compreso il centro di Colleferro. È questo il risultato dell’incontro avvenuto ieri pomeriggio – giovedì 18 ottobre - presso il Ministero dello Sviluppo Economico che, oltre a sindacati e lavoratori, ha visto la presenza del Sindaco di Colleferro, Pierluigi Sanna, e del Consigliere Marco Gabrielli, presidente della Commissione Comunale Lavoro.
Vertenza Unicoop Tirreno, incontro al Comune di Colleferro con il sindaco Pierluigi Sanna; USB esorta Unicoop Tirreno a rivedere le decisioni prese e a tutelare concretamente i diritti dei lavoratori
Unicoop Tirreno, stamattina riunione nella sede del Mi.S.e. a Roma; la dirigenza aziendale conferma l'intenzione di voler chiudere quattro negozi e di voler ristrutturarne altri tre, tra cui quello di Colleferro
Vertenza Bristol-Myers Squibb: la nota congiunta della Federazione Provinciale del PRC di Frosinone e del Circolo di Anagni del PRC-SE