Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Rifiuti. Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti: "riconversione Colleferro per obiettivo rifiuti zero"

26 ottobre 2018

“Questa mattina la Giunta regionale ha approvato, come già annunciato qualche giorno fa, la delibera per riconversione dell’impianto di Colleferro. Un progetto che favorirà la costruzione di impianti altamente tecnologici, supererà in breve tempo il sistema della termovalorizzazione dei rifiuti, con l’obiettivo di centrare la “end of waste”; a dare la notizia è il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che aggiunge: “Ciò che vogliamo fortemente, anche grazie alla collaborazione di tutti i Comuni della nostra regione è consentire al Lazio di essere all’avanguardia nel sistema dei rifiuti, un target che possiamo raggiungere proprio spegnendo finalmente il termovalorizzatore di Colleferro, iniziando la sua riconversione e continuando a investire ingenti risorse per la raccolta differenziata. Il presidio industriale verrà realizzato sempre a Colleferro, dove sarà avviata la dismissione dell’attuale struttura”.

“Questo innovativo progetto sarà al centro del nuovo Piano rifiuti della Regione e consentirà di risolvere molte criticità che affliggono il sistema dei rifiuti di Roma: ora è fondamentale l’impegno e il senso di responsabilità di tutte le istituzioni per le rispettive competenze con l’obiettivo di chiudere il ciclo dei rifiuti, superando il sistema della termovalorizzazione”, aggiunge Massimiliano Valeriani, assessore regionale al Ciclo dei Rifiuti.

Il nuovo impianto verrà progettato da LazioAmbiente spa, in collaborazione con Università e Istituti di ricerca, mutuando le migliori esperienze già consolidate in diverse capitali europee, ma introducendo anche tecnologie di ultima generazione. Il progetto rappresenterà uno dei cardini del nuovo Piano regionale dei rifiuti e diverrà il fulcro del Piano industriale di LazioAmbiente spa, che potrà così essere ceduta dalla Regione e messa con successo sul mercato, come prevede la legge Madia. Obiettivi strategici per la cessione delle azioni di LazioAmbiente spa detenute dalla Regione Lazio saranno la salvaguardia dei livelli occupazionali, l’equilibrio economico/finanziario della società, la protezione del know how e degli asset industriali e la condivisione del processo con Enti e Istituzioni interessate.

In particolare, attraverso la società LazioAmbiente, la Regione punta a promuovere la realizzazione di un presidio industriale, dove verranno eseguiti processi di lavorazione per estrarre risorse dai rifiuti in uscita dai TMB, evitando così lo smaltimento in discarica o negli inceneritori. Il nuovo impianto potrà consentire anche l’eventuale declassamento dei TMB a semplici stazioni di tritovagliatura primaria e raffinazione delle matrici secche. Questo degradamento funzionale consentirà la cancellazione del processo di stabilizzazione della FOS nei TMB, con la conseguente eliminazione dei disagi olfattivi, il recupero delle aree interne e la valorizzazione ecologica ed economica. Nel presidio industriale si potrà ricavare dalla FOS il metano da trasformare in biofuel, gassoso o liquido, per autotrazione; il carbone da destinare ad impieghi civili e industriali; la biomassa da trasformare in biofuel liquido; quella da trasformare in substrati sostitutivi di torbe e quella mineralizzata per conglomerati inerti, mentre dagli scarti dei TMB si potrà ottenere plasmix da inviare a stampaggio; inerti da raffinare per reimpieghi civili e matrici da inviare a recupero nei circuiti dedicati (cellulose, alluminio, banda stagnata, ecc.).
“È il colpo d’ala che ci voleva, per smuovere l’aria stagnante dell’inerzia di Roma, ancora sommersa di rifiuti - dichiara l’ex assessore regionale ai Rifiuti e attuale capogruppo Pd Lazio Mauro Buschini - la Giunta Regionale ha portato a compimento il progetto strategico per superare il sistema-capestro dei TMB che obbligano la necessità di discariche e inceneritori. Ho sempre detto che quegli apparati sono obsoleti e che producono rifiuti da rifiuti. La loro riconversione, con la finalità di alimentare un nuovo impianto industriale, di avanguardia e vocato a recuperare risorse, è dirimente per il successo di una economia circolare per i rifiuti del Lazio. C’è lavoro per tutti e in primo luogo per Roma Capitale che deve spingere la raccolta differenziata oltre la ridicola crescita dell’1% annuo, deve spendere i 4,6 milioni di euro che l’amministrazione Zingaretti gli ha assegnato per costruire centri di raccolta e diffondere il compostaggio di comunità e deve attivarsi per riconvertire i suoi TMB. La Regione continua a fare la sua parte e ora il Piano Regionale avrà una impronta verde chiara e irreversibile. Inceneritori e discariche devono essere affidati al passato. Il futuro comincia ora”.

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Sulla situazione dell’ospedale di Colleferro il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti scrive al primo cittadino.
Mercoledì pomeriggio - primo luglio - la direzione generale Asl Roma G ha disposto l-ospedale di Colleferro. A seguire i sindaci del comprensorio si sono riuniti presso il Comune di Colleferro e dopo aver tentato inutilmente di contattare i vertici della Regione Lazio, hanno firmato un documento con il quale si chiede un immediato incontro tra gli stessi Sindaci ed il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Per protestare contro questa decisione, oggi pomeriggio - giovedì 2 luglio - alle ore 18 è previsto un sit-in di protesta davanti all'ospedale di Colleferro.
"La Regione Lazio con un Decreto firmato oggi dal Presidente Nicola Zingaretti ha autorizzato la voltura dell'autorizzazione all'esercizio e all'accreditamento per la società 'Acqua e Terme Fiuggi S.p.a.' controllata dal Comune di Fiuggi. Un passo importante che ripristina un quadro di legalità e controllo per settori fondamentali come quello turistico e dello sviluppo economico". Lo comunica in una nota la Regione Lazio.
I sindaci di Acuto, Anagni, Carpineto Romano, Colleferro, Ferentino, Filettino, Fiuggi, Fumone, Gavignano, Gorga, Montelanico, Morolo, Paliano, Piglio, Segni, Serrone, Sgurgola e Trevi nel Lazio, che fanno parte del Coordinamento dei sindaci della Valle del Sacco, hanno inviato una proposta di protocollo di intesa tra Regione e Comuni dell'Alta Ciociaria al Governatore del Lazio, Nicola Zingaretti.
OSPEDALE PARODI DELFINO - Il SINDACO PIERLUIGI SANNA CHIEDE UN INTERVENTO URGENTE AL PRESIDENTE ZINGARETTI E AL NUOVO DIRETTORE ASL DE SALAZAR