Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Colleferro. Arrestati due napoletani in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Velletri con le accuse di rapina aggravata in concorso e simulazione di reato

10 ottobre 2017

I Carabinieri della Compagnia di Colleferro hanno arrestato tre cittadini italiani, due 44enni di Napoli e un 54enne di Cercola (NA), in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Velletri con le accuse di rapina aggravata in concorso e simulazione di reato.
I fatti risalgono al dicembre del 2015, quando due uomini, dipendenti di un’azienda di abbigliamento di Nola (NA) incaricati alla consegna di prodotti in alcuni punti vendita ubicati nell’outlet di Valmontone e nel Centro Storico della Capitale, denunciarono alla Stazione Carabinieri di Colleferro di essere stati rapinati mentre stavano facendo rientro alla sede dell’azienda con il loro furgone.
Stando al loro racconto, due malviventi a bordo di una Alfa Romeo 147 li affiancarono all’altezza della rotatoria di Colleferro - in via Casilina all’incrocio di via Palianese – e mostrando una paletta simile a quella in uso alle forze dell’ordine, li costrinsero ad accostare. Subito dopo, sotto la minaccia di una pistola, vennero rapinati dell’incasso della merce consegnata in giornata - circa 5.000 euro - e di due telefoni cellulari.
Le indagini avviate immediatamente dai Carabinieri della Stazione di Colleferro, in sinergia con quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Colleferro e sotto la direzione della Procura della Repubblica di Velletri, hanno permesso di ricostruire con chiarezza l’accaduto delineando le esatte responsabilità dei malviventi.
Le attività dei militari hanno consentito di accertare che uno dei dipendenti rapinati, un magazziniere 44enne con numerosi precedenti, rivestì il ruolo di basista nell’operazione dei malviventi con cui era in stretto contatto telefonico. La ricostruzione è stata resa possibile grazie alle immagini di alcune telecamere di videosorveglianza e dall’accurata indagine che permesso di ricostruire l’intero percorso effettuato dall’Alfa Romeo 147 dei banditi.
L’auto partì da Napoli per raggiungere Colleferro, rimanendo sempre in collegamento col complice che nel frattempo stava riscuotendo gli incassi dai punti vendita insieme al suo collega, completamente all’oscuro del suo doppio gioco.
Gli elementi indiziari raccolti dai Carabinieri hanno trovato riscontro nelle risultanze dell’Autorità Giudiziaria, che ha emesso nei confronti dei tre soggetti un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.
I militari dell’Arma hanno eseguito le misure nelle zone di Napoli e Cercola, luoghi di residenza degli arrestati che sono stati rinchiusi nel carcere di Poggioreale.


TI POTREBBERO INTERESSARE

I Carabinieri di Labico hanno arrestato un 30enne, originario di Valmontone, in esecuzione dell’ordine di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Velletri sui richiesta della Procura che ha concordato pienamente le risultanze investigative del personale operante; l’uomo è ritenuto responsabile della rapina a mano armata commessa ai danni della farmacia di Labico il 23 novembre 2013, durante la quale fu asportato l’intero incasso della mattinata.
I Carabinieri della Compagnia di Colleferro hanno arrestato un 27enne italiano, originario di Labico e con precedenti, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Velletri per il reato di rapina impropria.
I Carabinieri di Colleferro hanno dato esecuzione ad un’ordinanza emessa dal Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura della Repubblica nei confronti di cinque persone resesi responsabili, a vario titolo, del reato di rapina aggravata in concorso. Una persona è stata sottoposta alla misura degli arresti domiciliari e quattro all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Si tratta di giovani di età compresa tra i 18 e i 20 anni, residenti nella provincia di Roma.
I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Colleferro hanno tratto in arresto l'autore della rapina al bar-tabaccheria della Stazione ferroviaria di Colleferro avvenuta nei giorni scorsi; si tratta di un uomo, di 54 anni, con numerosi precedenti di polizia.
I Carabinieri della Stazione di Colleferro con l’ausilio dei colleghi dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Colleferro hanno arrestato due cittadine romene, rispettivamente di 24 e 20 anni, per rapina ai danni di un uomo di 83 anni. Le due donne si sono avvicinate all’uomo travisate con delle parrucche e dopo aver aggredito l’anziano hanno cercato di impossessarsi della catenina ma grazie alla pronta reazione dell’uomo e il successivo intervento delle pattuglie dei Carabinieri una donna è stata bloccata e l’altra e stata rintracciata subito dopo mentre cercava di darsi alla fuga. L’anziano è stato prontamente soccorso e accompagnato presso il Pronto Soccorso dell’ospedale ove è stato curato le lievi lesioni subite. Per le due donne straniere si sono aperte le porte del carcere di Velletri, l’Autorità Giudiziaria dopo la convalida dell’arresto ha emesso la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.