Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Colleferro. Centinaia di persone alla manifestazione per l'ambiente: "la salute dei cittadini prima di ogni cosa"

30 novembre 2014

No alla gestione dei rifiuti mediante trattamento meccanico-biologico, no alla discarica di Colle Fagiolara, no agli inceneritori. Sì alla tutela della salute dei cittadini. Associazioni, comitati, movimenti, forze politiche e singoli cittadini della Valle del Sacco impegnati per la salvaguardia del territorio, dell’ambiente e della salute si sono dati appuntamento ieri, sabato 29 novembre, a Colleferro per manifestazione la propria forte opposizione all’attuale gestione del ciclo dei rifiuti, "obsoleta e responsabile della grave emergenza ambientale e sanitaria".
Il corteo partito alle 14 da via Carpinetana, davanti alla sede di Lazio Ambiente, ha visto la partecipazione anche di diversi sindaci del territorio: nella foto in alto, da sinistra verso destra, si riconoscono Domenico Alfieri, con la fascia, primo cittadino di Paliano; Matteo Battisti, sindaco di Carpineto; Nadia Cipriani, sindaco di Gorga; Fausto Bassetta, sindaco di Anagni; Aurelio Tagliaboschi, assessore al Bilancio del comune di Anagni; Simone Temofonte, sindaco di Anagni.
"Non possiamo accettare l’impianto TMB a Colleferro perché la sua costruzione significa praticamente mantenere attivi  due vecchi inceneritori e la discarica di colle Fagiolara - spiegano alcuni esponenti delle forze ambientaliste e sociali che hanno organizzato la manifestazione - per questo pretendiamo un cambiamento radicale di rotta, che vada verso un sistema economico “circolare”  a sostegno di una crescita sostenibile e di una gestione virtuosa dei rifiuti, come ribadito dall’Unione europea, nei programmi Rifiuti Zero nel 2020". Tutti uniti per chiedere come priorità l’avvio immediato di una campagna di informazione ambientale sulle modalità, i benefici ed i vantaggi della raccolta differenziata, l’attivazione del porta a porta e l’adozione di strumenti efficaci da attuare sul territorio come il compostaggio di comunità e la tariffa puntuale: un ciclo virtuoso dei rifiuti con un cambiamento radicale di rotta con un forte incremento della raccolta differenziata e l’attivazione del ritiro porta a porta.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Il Multisale Ariston Colleferro dà una mano all'Ambiente: Alessandra Piccirilli intervista Daniele Mandova, ideatore del progetto che promuove la raccolta di bottiglie di plastica mediante un ecocompattatore istallato davanti all'entrata dello storico cinema
“Siamo molto preoccupati, dopo le dichiarazioni del Sindaco di Colleferro che ha riportato l’entità dei debiti o meglio, dei crediti che vanta la società Lazio Ambiente dai Comuni. Non c’è da stare allegri". Ad affermarlo è Piero Pera di Green Italia con Pippo Civati che in una nota scrive: "16 milioni e mezzo di euro, non sono una barzelletta. Sempre a detta del Sindaco, di questi 16 milioni e mezzo, quasi 3 appartengono al Comune di Colleferro, nonostante i milioni di euro presi di ristoro ambientale. Vogliamo ricordare che, la Lazio Ambiente s.p.a. è stata costituita con Legge Regionale 13 Agosto 2011 a partecipazione Regionale.
Colleferro. Il sindaco Pierluigi Sanna smentisce la minoranza consigliare: "nessun rifiuto è stato bruciato nè sarà bruciato nella cementeria di Colleferro!" Né CSS né altri rifiuti saranno bruciati nei forni Italcementi! Questa è l’ulteriore conferma, dopo quella fornita dell’amministrazione comunale, arrivata proprio oggi in Commissione Ambiente che si è svolta per questa occasione presso la cementeria di Colleferro. "E’ la stessa Italcementi, per voce del suo Direttore Ing. Lorenzo Metullio, a confermarlo - si legge in una nota firmata dal sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna - alcuni Consiglieri di minoranza, che si sono prodigati ad allarmare i cittadini con notizie prive di fondamento, hanno avuto oggi, la risposta più limpida alle loro dichiarazioni ingannevoli. Le bugie hanno le gambe corte".
Per il prossimo 4 febbraio alle ore 17.00 nel Centro Anziani di Via Berni a Colleferro l'assemblea permanente di Rifiutiamoli ha organizzato un momento pubblico di informazione sugli inceneritori di Colleferro, sul presidio di Colleferro Scalo con le iniziative di protesta dei cittadini, sulla situazione della società Lazio Ambiente e dei suoi lavoratori, sulla difesa del territorio e il futuro della Valle del Sacco. Questi saranno alcuni dei temi trattati alla luce degli ultimi avvenimenti. Vi aspettiamo alla sala del centro anziani di Via Berni (fronte campo sportivo) a Colleferro.
Da Mario Cacciotti, consigliere area metropolitana di Roma ed ex sindaco di Colleferro, riceviamo la nota che segue e che pubblichiamo in forma integrale, ringraziandolo di aver voluto condividerla con la nostra redazione e con i nostri lettori: