Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Danni da cinghiali a Paliano e a Ripi, Copagri Frosinone-Latina torna a segnalare danneggiamenti di parte del raccolto che hanno causato una perdita economica di non poco conto per le attività

11 agosto 2019

"L’intero comparto agricolo provinciale è messo in ginocchio dalla presenza troppo nutrita dei cinghiali che continuano a provocare danni": è quanto si legge in una nota inviata a questa redazione dalla Copagri Frosinone-Latina che dopo la segnalazione sulla devastazione dei campi di mais ad Anagni, nelle località Centocelle e Tufano, torna a registrare nuovi problemi questa volta nella zona di Ripi dove intere famiglie di animali hanno invaso gli appezzamenti dell’azienda agricola Daniele Imperioli danneggiando parte del raccolto causando una perdita economica di non poco conto per l’attività. Danni anche in alcuni terreni agricoli di Paliano lungo la Casilina e nei pressi dell'A1: “Siamo ormai al collasso di un settore – spiega Fabrizio Neglia presidente di Copagri – in balia totale dei cinghiali. Giornalmente si registrano problemi per i nostri agricoltori che aspettano risposte dalla classe dirigente, soluzioni che non arrivano mentre il tempo passa e la conta dei danni si fa sempre più drammatica”. L’ente agricolo lancia l’allarme per la produzione di cesanese nelle zone di Anagni e Piglio: “Fra poco quando l’uva giungerà a maturazione cosa rimarrà del raccolto? I viticoltori stanno esprimendo grande preoccupazione fiutando il pericolo di dover dire addio ad un anno di sacrifici. La zootecnica e il vitivinicolo sono economie importanti per il nostro territorio e vanno salvaguardate, come? Riducendo immediatamente il numero dei cinghiali presenti attraverso un piano controllato di abbattimento”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

I cinghiali continuano a mietere danni alle attività agricole di Anagni: stavolta è toccato ad alcuni terreni di località Tufano. Il presidente di Copagri Fabrizio Neglia ribadisce la richiesta di "aprire immediatamente la caccia al cinghiale con abbattimento, per ridurre in maniera drastica il loro numero sul territorio"
Campo di mais devastato dai cinghiali nella periferia di Anagni; Copagri: "aprire subito la caccia". Tutelare anche l’incolumità delle persone da un pericolo sempre più evidente
Come anticipato alcuni giorni fa da questo giornale, il sindaco Fausto Bassetta ha incontrato questa mattina i rappresentanti provinciali di Coldiretti per affrontare il problema della presenza dei cinghiali sul territorio anagnino, causa di notevoli danni alle colture. L’allarme è scattato da qualche giorno, soprattutto nella zona di Tufano, dove in numerose aziende agricole si sono registrate incursioni notturne devastanti. Continua a leggere...
Magico Natale 2014 a Tufano; sabato 20 dicembre e domenica 21, organizzate dal comitato "Tufano Insieme" si terranno due simpatiche giornate di festa.
Anche a Piglio, piccolo centro alle falde del Monte Scalambra, i cinghiali sono di casa . La zona preferita è quella del convento di San Lorenzo e a ridosso delle abitazioni dove si vedono a passeggio numerosi esemplari. Si sa che i cinghiali sono delle razze protette ma cosa fanno gli Enti preposti per risolvere un problema così complesso che richiede soluzioni altrettanto complesse come quella della gestione dei cinghiali per tutelare l’incolumità delle persone e l’agricoltura? Giorgio Alessandro Pacetti